Risarcimenti ai risparmiatori truffati, Zaia: «Servono il prima possibile»

Il presidente della Regione commenta con toni positivi l'annuncio del Governo di stanziare nuovi fondi per i risparmiatori truffati dal crack delle ex banche popolari venete

Il presidente Luca Zaia (Foto d'archivio)

«Ben venga lo stanziamento da parte del Governo, ma auspico che giunga davvero nel più breve tempo possibile ai cittadini che ne hanno diritto. Abbiamo famiglie e imprese ridotte sul lastrico e decine di migliaia di investitori che hanno perso tutto; non possono attendere ancora».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con queste parole il presidente del Veneto, Luca Zaia, commenta la dichiarazione del vicepremier Matteo Salvini con cui annuncia che entro questa settimana il Ministero dell’Economia emanerà i decreti per il risarcimento dei risparmiatori colpiti dai crack bancari. «Ci sono banche che nella nostra regione si sono rese protagoniste di un vero disastro – conclude - I risparmiatori che hanno lavorato una vita con grandi sacrifici e hanno perso tutto da un giorno all’altro non possono essere chiamati ancora a pagare il conto delle responsabilità altrui. Per dare ristoro a questi cittadini è doveroso che il decreto sia emanato in tempi velocissimi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento