Pradal, il mezzo secolo di un "self made man" del Nordest

Sabato 16 dicembre l'azienda di San Polo di Piave festeggia con tutti i dipendenti e collaboratori mezzo secolo di attività nel campo degli impianti elettrici e dell'automazione, avviata da Pietro Pradal, ex operaio della Zoppas, nel 1967

SAN POLO DI PIAVE Un'esemplare storia di successo imprenditoriale,  simbolo dell'economia trainante del Nordest, intrapresa cinquanta anni fa dal fondatore Pietro Pradal ed oggi marchio leader nel settore degli impianti elettrici, progettati e realizzati per i comparti industriale, terziario avanzato e civile. A San Polo di Piave (TV) ci si appresta a festeggiare l'importante traguardo con un evento che coinvolgerà la famiglia Pradal  e tutti coloro che tutti i giorni contribuiscono a fare grande l'azienda, avviata nel 1967 da nonno Pietro, già operaio della Zoppas con la vocazione per l'impiantistica elettrica. Sandro Pradal, attuale amministratore delegato, e i figli Nicola e Alessandra, la terza generazione entrata nella compagine aziendale dal 2010,   esprimeranno il proprio sincero  "Grazie a tutti!" in occasione della grande Cena di Natale, che si terrà sabato 16 dicembre al Castello Papadopoli Giol, splendida residenza d'epoca nel cuore di San Polo di Piave. E' questo il territorio in cui si è sviluppata la straordinaria parabola ascendente della Pradal S.r.l.,   all'avanguardia nella visione d'impresa 4.0, con un team altamente specializzato composto da 33 persone ed  un fatturato di oltre 3.700.000 euro (dati 2016). "Quest'anno la nostra festa di Natale sarà diversa. Non è nostra abitudine essere autoreferenziali, ma visto il traguardo importante, per i nostri primi 50 anni abbiamo deciso di organizzare una festa in esclusiva per le persone che compongono la Pradal S.r.l., per ringraziarle del loro operato e per sottolineare che senza di loro non potremmo raggiungere gli obiettivi che, di anno in anno, ci prefiggiamo"  sottolinea l'amministratore delegato Sandro Pradal.

Pietro Pradal-2

LA STORIA L'azienda nasce nel 1967 a San Polo di Piave,  su iniziativa di Pietro Pradal,  e  subito si afferma tra  le realtà più solide del territorio. Nei primi anni '80 Sandro Pradal entra nella società e insieme al padre guida la  piccola impresa artigiana nella trasformazione a realtà industriale, introducendo  un nuovo  know-how  a livello progettuale, tecnologico e di automazione. L'attività si evolve con l'apertura del negozio di vendita al dettaglio di materiale elettrico e dalla metà  degli anni '90. La Pradal potenzia il proprio ufficio tecnico, crea un'officina di quadri elettrici ed avvia la costruzione del nuovo magazzino componenti e ricambi elettrici in via Mioni a San Polo di Piave. Gli anni Duemila vedono un ulteriore sviluppo dell'azienda a livello industriale, con l'incremento sensibile della forza lavoro e l'acquisizione di un importante portafoglio clienti, sia nel territorio che in tutta Italia. Nel  2010 entra in scena la terza generazione,  Nicola e Alessandra,  figli di Sandro, si  punta alla specializzazione in tema di efficienza energetica in qualità di ESCo  e viene potenziata la struttura dedicata all'automazione industriale.

L'AZIENDA OGGI La Pradal S.r.l poggia il proprio successo su un gruppo di lavoro unito e altamente specializzato e sul rapporto di massima stima e fiducia instaurato tra le varie componenti aziendali. Gli  ambiti di lavoro sono diversi: progettazione di impianti elettrici per l'industria, il terziario avanzato e il civile; realizzazione di cabine elettriche di trasformazione e quadri elettrici; manutenzione di impianti anche attraverso contatti  di manutenzione programmata; progettazione  e realizzazione di automazioni, dalle più semplici  ai sistemi integrati per ogni tipologia di produzione. Dal 2013 l'azienda sanpolese è ESCo accreditata presso il GSE ed è abilitata alla stipula e gestione di TEE (Certificati Bianchi) nel mercato energetico (GME).

All'avanguardia in Italia, nel 2015 la Pradal ha curato la costruzione, redazione e invio all'ENEA dei primissimi Audit Energetici per le aziende obbligate dal D.Lgs. 102/2014 in diversi settori, tra cui  stampaggio di materie plastiche, legno e fonderie. Altro fiore all'occhiello: l'azienda è certificata ISO 9001 dall'anno 2002; nel 2016 ha conseguito le certificazioni 0HSAS 18000 (sistema di gestione della salute e della sicurezza dei lavoratori) e UNI 11352 per la divisione ESCo. Dal 2011 è parte integrante del progetto EcoExpert di Schneider Electric, quale azienda di comprovata qualità  ed esperienza nell'ambito della  efficienza energetica.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il piede diabetico: cure e trattamenti

  • Dramma nei bagni del McDonald's: trovato morto un 44enne, si sospetta l'overdose

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: fiere e mercatini accendono l'autunno

  • Virus incurabile, cantante trevigiana muore a 51 anni

  • Frontale tra auto lungo la Postumia: 5 le persone ferite, una è grave all'ospedale

  • Dispositivo anti telelaser in auto, maxi multa per un 32enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento