Stefanel nel baratro: il CdA chiede il concordato preventivo, il titolo crolla in borsa -40%

Quello che fu lo storico "Maglificio Piave", nato negli anni '50, è da tempo in crisi: con una delibera si avviano le pratiche per trovare un accordo con i creditori con la supervisione del Tribunale

TREVISO Perdite per 13 milioni, patrimonio negativo per 11,5 milioni, 85 milioni di debiti con le banche, ricavi in contrazione fino a raggiungere i 67,4 milioni di euro. I numeri, impietosi, dei primi sei mesi del 2016 dell'attività di Stefanel, stanno portando nel baratro quello che fu lo storico "Maglificio Piave", nato negli anni '50 e divenuto, negli anni del boom, uno dei gioielli dell'economia trevigiana, in Italia e nel mondo. Altri tempi. Oggi il consiglio di amministrazione della società di Ponte di Piave, come riporta Repubblica.it, ha dato il via libera ad un accordo con i creditori, con la supervisione del Tribunale, per ristrutturare il debito ma proseguire l'attività dal punto di vista industriale. Il titolo in borsa è di conseguenza colato a picco.

LA STORIA La Stefanel S.p.A. è un'azienda italiana che si occupa di abbigliamento. È stata fondata nel 1959 da Carlo Stefanel (1926-1987) come Maglificio Piave, successivamente nel 1980 l'azienda assunse il nome di Stefanel.

1959 - Nasce per iniziativa di Carlo Stefanel il ‘Maglificio Piave'

1970 - L'azienda passa nelle mani del figlio, Giuseppe Stefanel

1980 - Apre a Siena il primo negozio a marchio Stefanel

1982 - Apre il negozio di Parigi, primo punto vendita all'estero

1983 - Stefanel diventa ragione sociale della società

1985 - L'azienda incrementa di quattro volte fatturato e numero di negozi

1987 - Quotazione alla Borsa di Milano

Alla fine anni '80 Stefanel, attraverso una serie di acquisizioni e di accordi internazionali, assume le dimensioni di un grande Gruppo; diversifica la produzione di maglieria aggiungendo abbigliamento sportivo, jeans e prêt-à-porter.

1990 - Acquisizione di Interfashion

2002 - Acquisizione del 50% di Noel International SA, la quale controlla al 100% The Nuance Group leader mondiale nel retail aeroportuale

2007 - Nasce High, marchio di abbigliamento casual chic di Interfashion S.p.A.

Nello stesso anno viene siglato un accordo con il designer Antonio Marras per produrre e distribuire il brand I'M Isola Marras.

2008 - Stefanel avvia il riposizionamento del marchio nel segmento del “simple luxury”

2009 - Stefanel celebra i primi 50 anni di attività. Per festeggiare questo importante anniversario è stata realizzata una capsule collection, “Stefanel50”, disegnata dalle stiliste Annalisa Dunn e Dorothee Hagemann, le “Cooperative Designs”, che hanno attinto all'archivio storico Stefanel rivisitando in chiave moderna 15 capi in maglieria.

I problemi strutturali dell'azienda si aggiungono alla crisi economica: il bilancio si chiude con un fatturato in calo del 10 per cento e una perdita di 44 milioni di euro. Si avvia un piano triennale di rilancio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

2013 - Nel corso dei primi sei mesi del 2013 il Gruppo ha registrato ricavi netti pari ad euro 84,3 milioni, in calo del 12% rispetto all'anno precedente, quando ammontavano a 96 milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Salvato dall'annegamento, 20enne muore dopo una settimana di agonia

  • Tragedia di Farra, Vittoria ha donato gli organi: fissata la data dei funerali

  • Scivola e batte la testa dopo un volo di 13 metri: muore a 21 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento