I palloni da basket usati diventano borse esclusive

Il progetto, tutto trevigiano, è stato immaginato nel 2015, con il deposito europeo dei disegni dei modelli ideati e prosegue negli anni, inizialmente in una dimensione locale e ora in una dimensione internazionale

I fondatori di Bgbl

Il brand di borse BGBL si presenta al Mipel 115, il più grande evento internazionale di pelletteria che si svolgerà a Milano dal 10 al 13 febbraio 2019. Le borse del brand di Treviso sono state selezionate come prodotto cool della manifestazione e saranno inserite sia allo stand #G28 di Scenario, il palcoscenico privilegiato per le aziende che si distinguono per creatività, innovazione e ricerca, sia nella Mipel Streetstyle Area. Il tema del riutilizzo e della sostenibilità è protagonista in questo Scenario 2019 e BGBL vi partecipa ponendo l’attenzione sulla possibilità di dare una seconda vita a un oggetto non riciclabile, con un progetto di upcycling che supporta le squadre di basket italiane. Le borse BGBL sono infatti un mix and match tra pelle di alta qualità e materiali recuperati da società sportive, come palloni e divise. «Vogliamo unire una sensibilità ecologica a una passione per il design italiano, prendendo come concept le varie anime dello sport -afferma Elisabetta Viola, designer di BGBL- Tutto nasce dai palloni da basket, che ritiriamo usati dalle società sportive e riforniamo nuovi, così noi abbiamo un materiale vintage e i ragazzi possono allenarsi con palloni di qualità».

La De’ Longhi Treviso Basket (Serie A2) è stata la prima società che ha creduto nel progetto e ha iniziato la collaborazione con BGBL, dando nuova vita ai palloni “esausti” dopo tante ore di palestra, e indicando la strada ad altre società del territorio. BGBL è un progetto che nasce dallo sport: ogni borsa ha un ciclo di realizzazione che coinvolge materiali di riuso e materiali nuovi, cuciti a mano per dare nuova vita ad emozioni del passato. Ogni borsa è un pezzo unico e racconta una storia, la porta con sé nel tempo. Il brand BGBL BGBL è il brand di borse Made in Italy che rimbalza tra sport e stile, tra vintage e contemporaneità. L’esperienza sportiva si traduce nell’uso di materiali e texture identificative, che raccontano questo mondo in un contesto urbano. Il progetto è stato immaginato nel 2015, con il deposito europeo dei disegni dei modelli ideati e prosegue negli anni, inizialmente in una dimensione locale e ora in una dimensione internazionale, con la creazione di una nuova società e con il coinvolgimento di un nuovo founder: Doriano Ottavian.

La collezione è stata pensata e disegnata partendo da tre modelli: B-ONE, B-THREE e B-FIVE, come i ruoli dei giocatori di basket. B-FIVE è uno zaino monospalla unisex, mentre le altre due borse sono concepite per un pubblico femminile. La collezione presenta due varianti colore: bianco e nero, per permettere una maggior attenzione sul concetto di riutilizzo e reinterpretazione del pallone da basket. «È importante partire dalle origini, dal proprio background, valorizzando le risorse presenti nel territorio veneto e italiano»: sottolineano Doriano ed Elisabetta, amministratori della società Alfredo Viola srl a cui è associato il marchio BGBL nonché nome della collezione. BGBL infatti si avvale di laboratori artigianali e di fornitori che ancora credono nel Made in Italy e nella qualità del prodotto realizzato interamente in Italia.

founders-3

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Furti tra le province di Treviso e Pordenone, sgominata banda di "topi d'appartamento"

  • Attualità

    Virus Chimaera, l'Ulss 2 attiva la task force: specialisti e linea telefonica dedicata

  • Attualità

    Ca' dei Carraresi è in vendita: annuncio shock di Fondazione Cassamarca

  • Cronaca

    Ladri svaligiano il campus dell'istituto Cerletti: bottino da un migliaio di euro

I più letti della settimana

  • Una vita da guerriera contro un male incurabile, muore a 34 anni

  • Tragico schianto all'alba: muore un 19enne, feriti due amici

  • Male incurabile: addio ad Alessandra, farmacista di Fiera

  • Fibrosi cistica incurabile: giovane trevigiana muore a soli 32 anni

  • Tragedia a San Valentino, dopo la morte della moglie si toglie la vita

  • Infarto fatale mentre lavora al computer, muore magazziniere 40enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento