Chi vuole partecipare al cambiamento culturale?

La start up CultAround si espande in tutta l'Italia e lancia una raccolta di capitali nel portale www.opstart.it

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Dato il successo del primo anno di test, CultAround vuole espandersi in tutto il territorio nazionale e consigliare eventi che riguardano tutti gli ambiti culturali. Per farlo si affida al portale Opstart e lancia una campagna di equity crowdfunding: una modalità di raccolta fondi autorizzata da CONSOB e rivolta a chi vuole investire in un'azienda in crescita, ricevendo in cambio quote societarie e ottenendo un beneficio fiscale del 30% sul capitale investito. Ma che cos'è CultAround? È una start up innovativa che opera nel settore della cultura e che, da novembre 2017, è stata testata con successo in Veneto, Friuli-Venezia Giulia ed Emilia Romagna. Attraverso la campagna di equity crowdfunding nel portale www.opstart.it, CultAround vuole raccogliere 150.000 € per espandersi in tutta l'Italia e creare un’app dedicata a chi ama la cultura a 360 gradi.

L’applicazione, infatti, grazie a un sofisticato sistema digitale, aiuterà gli appassionati di cultura a trovare gli eventi culturali giusti per i loro interessi. Nessuno ha mai creato un’app così specifica: molte piattaforme consigliano eventi generalisti, ma gli amanti della cultura vogliono un'applicazione che consigli unicamente eventi culturali. CultAround porterà benefici all'intero settore: dagli appassionati, che conosceranno le informazioni utili per partecipare agli eventi; agli organizzatori, che potranno inviare notifiche ai loro follower quando organizzano eventi; ai proprietari di bar, bed and breakfast e ristoranti, che potranno invitare gli utenti dell'app a usufruire dei loro servizi prima o dopo aver partecipato agli eventi. CultAround, insomma, vuole rendere la cultura un’esperienza piacevole e un mezzo per migliorare la vita delle persone. Per chi volesse partecipare al cambiamento culturale diventando socio della start up, la quota minima sottoscrivibile è 250 € e www.cultaround.com è il sito web di riferimento.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento