Quota 100: mi conviene? Iniziativa gratuita in CNA

Appuntamento venerdì 15 febbraio alle ore 20.30 presso la sede di Treviso in viale della Repubblica, 154

“Quota 100: mi conviene?” È il titolo della serata informativa gratuita, organizzata da CNA Treviso nell’ambito del progetto con la Camera di Commercio di Treviso-Belluno “Connessi al cambiamento 2019”, che si terrà venerdì 15 febbraio alle ore 20.30 presso la sede provinciale dell’associazione di categoria in viale della Repubblica 154.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sarà l’occasione per affrontare argomenti di stretta attualità che riguardano la vita di migliaia di persone anche in provincia di Treviso: la nuova riforma pensionistica con la possibilità di andare in pensione con 62 anni di età e 38 di contributi, il reddito di cittadinanza e la pensione di cittadinanza. Si vedrà inoltre come cambiano gli istituti della Riforma Fornero: la “pensione anticipata”, l’“opzione donna”, l’“ape sociale”, i "lavoratori precoci” e i “lavori usuranti", etc. Relatrice della serata sarà Iris Ortis, direttrice del Patronato Epasa-Itaco di CNA. Porterà i suoi saluti il presidente provinciale di CNA Alfonso Lorenzetto. Ingresso libero e gratuito, adesione obbligatoria (0422.3155).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento