DIGITALmeet 2019 al via con t2i e Camera di Commercio

Dal 22 al 27 ottobre, la società per l’innovazione porterà sul territorio veneto 6 eventi nell’ambito del più grande festival italiano sulla cultura digitale. Mercoledì 23 ottobre a Treviso la lezione di ItalianFintech sul mondo del Fintech dalle origini alle agevolazioni fiscali, dal money management al crowdfunding

Roberto Santolamazza, Mario Pozza, Gianni Potti

T2i trasferimento tecnologico e innovazione, società consortile per l’innovazione partecipata dalle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, Verona e Venezia-Rovigo, sarà anche quest’anno partner della settima edizione di DIGITALmeet, il più grande e diffuso festival italiano sulla cultura digitale organizzato da Fondazione Comunica e Talent Garden (TAG) Padova che dal 22 al 27 ottobre propone oltre 150 incontri (tutti gratuiti) in 16 regioni e si estende per la prima volta nell’arco di 6 giorni. Patrocinato dall’Università degli Studi di Padova e dalle principali istituzioni locali e nazionali, con una serie di partner d'eccezione, #DM19 racconta le nuove frontiere del digitale che migliora la vita e fa crescere le imprese. Un evento che accende i riflettori sulle comunità digitali italiane, unite dalla passione per le nuove opportunità dell’innovazione e dalla voglia di capire come fare ad approfittarne.

Grazie al sostegno della Camera di Commercio di Treviso-Belluno, t2i sarà parte attiva della kermesse dedicata all’innovazione e al digitale e organizzerà 6 eventi sul territorio veneto, che avranno al centro il tema del digitale nelle sue diverse declinazioni quali l’Internet of Things, la manifattura digitale, il fintech, l’Industria 4.0 e l’umanesimo digitale. Martedì 22 ottobre t2i inaugurerà gli eventi trevigiani con l’appuntamento all’Istituto Tecnico Max Planck, dove alcune classi saranno coinvolte in un hackathon sul binomio creatività e uso della tecnologia. Gli studenti, sotto la guida di Luca Giuman, membro del comitato scientifico di DIGITALmeet, saranno chiamati a elaborare dei progetti che svilupperanno il tema del contest nell’arco di una giornata. La presentazione dei progetti, la valutazione e la premiazione si terranno giovedì 24 ottobre.

Sempre martedì 22 ottobre alle 16.30 presso la propria sede di Treviso (Piazza delle Istituzioni) t2i organizza il workshop “Laboratorio Digitale: IoT e digitale per l’ambiente” sulle applicazioni concrete del digitale per l’ambiente. In particolare si parlerà di tecnologie IoT per l’efficienza energetica e verrà presentato il caso del progetto europeo MATHER, che mira a sviluppare uno strumento ICT altamente innovativo per raccogliere, monitorare e rendere accessibili e interoperabili i dati relativi alle sostanze chimiche utilizzate nei prodotti del mercato di massa come gli elettrodomestici.

Mercoledì 23 ottobre alle 10.00 presso l’Incubatore Certificato di t2i a Rovigo si terrà invece il workshop “Manifattura Digitale innovativa”, in cui verrà presentata la case history di Desamanera, start up innovativa specializzata nella progettazione e produzione di stampanti 3D che realizzano oggetti e opere in pietra di grandi dimensioni. In particolare verranno presentate le tecnologie di stampa 3D ideate da Desamanera per applicazioni nelle costruzioni, nei restauri e nell’arte.

La giornata di mercoledì 23 ottobre proseguirà alle 17.30 a Treviso, e precisamente a Palazzo Giacomelli, con la lezione di ItaliaFintech, associazione che riunisce tutte le più innovative aziende del fintech nazionali e internazionali operanti in Italia con lo scopo di promuovere la conoscenza e l’adozione delle soluzioni fintech da parte di consumatori, famiglie e imprese. Focus dell’incontro la rivoluzione tecnologica applicata alla finanza e come questa sta trasformando la vita di famiglie, professionisti e aziende. Si parlerà di fintech dalle origini alle agevolazioni fiscali, dal money management al crowdfunding. Verranno inoltre presentate alcune case history di successo del settore.

Giovedì 24 ottobre, alle 16.30 a Padova presso I-Center (la fabbrica esperienziale nata dalla collaborazione tra Talent Garden, t2i trasferimento tecnologico e innovazione e Considi con l'obiettivo di accompagnare le PMI italiane nel percorso di trasformazione digitale) si terrà il “Laboratorio Digitale: IoT per una produzione smart” che ruoterà attorno al tema del digitale e delle tecnologie IoT per i processi produttivi. Nell’occasione verrà presentata la case history del progetto PREMANI (Manifattura Predittiva: progettazione, sviluppo e implementazione di soluzioni di Digital Manufacturing per la previsione della Qualità e la Manutenzione Intelligente).

Venerdì 25 ottobre alle 16.30 a Treviso presso la sede di t2i (Piazza delle Istituzioni) sarà invece la volta del “Laboratorio Digitale: IoT e prodotti smart”. Un workshop sulle innovazioni di prodotto abilitate dalle tecnologie IoT, in cui verrà presentato il caso del progetto ADMIN4D il cui obiettivo è lo sviluppo di un sistema innovativo che consenta la raccolta e l’elaborazione, mediante algoritmi sviluppati ad hoc, di informazioni tecnico – chimiche provenienti dai nuovi materiali e leganti usati nei prodotti e dalle strumentazioni di produzione brevettati dai partner di progetto e tutt’oggi oggetto di attività di R&D orientate al loro perfezionamento e diffusione sul territorio.

Novità dell’edizione 2019 di DIGITALMeet è inoltre il gemellaggio con Treviso Creativity Week l’iniziativa in programma dal 20 al 27 ottobre e promossa da Innovation Future School, per l’edizione 2019 di Creativity Start Up Competition. Per il secondo anno consecutivo Treviso diventa la Capitale della Creatività con centinaia di aspiranti imprenditori pronti a trasformare un’idea in un vero e proprio business. Durante la giornata centrale della Treviso Creativity Startup (25/10) i finalisti avranno la possibilità di raccontare la loro Start Up a giudici formati da imprenditori, azionisti e aziende pronte a scommettere sulle proposte che ascolteranno.

«Digitalmeet è un importante appuntamento per la diffusione della digitalizzazione. La Camera di Commercio sostiene l’evento dal momento che, per sua natura istituzionale, si rivolge  ad un tessuto economico e d’impresa sostenuto, nella digital trasformation, dal progetto strategico PID assegnatole dal Governo e favorito dal netto miglioramento delle pratiche burocratiche  come la possibilità di costituire e iscrivere al registro delle imprese, start-up innovative direttamente in Camera di Commercio, come attribuito dalla legge  - ha sottolineato Mario Pozza, Presidente di Unioncamere del Veneto e della Camera di Commercio di Treviso-Belluno|Dolomiti- A livello nazionale, la Camera di Commercio di Treviso-Belluno|Dolomiti si posiziona al 4^ posto,  per documenti digitali condivisi ed è davvero lieta ed orgogliosa di essere a fianco delle imprese in questo cambiamento radicale in cui il digitale con SPID, Firma digitale, DNA Key, Token DDNA, Impresa.italia.it, fatturazione elettronica, libri digitali, cassetto digitale dell’imprenditore, agevola il rapporto con il cittadino in una conversazione online, ottimizzando i tempi del fare impresa. Sono soddisfatto  – conclude Pozza - anche del riscontro che ci danno le imprese che riconoscono il ruolo di consulenza e di assistenza degli uffici camerali impegnati sempre a ottimizzare il rapporto con le persone e a tradurre il linguaggio tecnico per rendere facilmente applicabili i dispositivi e le nuove modalità nelle proprie aziende».

«Sette anni fa, quand’è nato DIGITALmeet, in Italia c’era l’emergenza di digitalizzare il Paese e alfabetizzare le persone - ricorda Gianni Potti, Presidente di Fondazione Comunica e Founder DIGITALmeet - Oggi il Paese si sta digitalizzando solo in parte e, come dimostrano i dati dell’OCSE sulle competenze digitali dei cittadini italiani, l’emergenza alfabetizzazione è ancora più urgente. La prima sfida è formare i formatori, e DIGITALmeet chiede proprio un cambio di marcia negli investimenti sulla formazione digitale, soprattutto per le Pmi e il mondo della scuola. Quest’anno DIGITALmeet cresce ancora e si rivolge, con eventi rigorosamente gratuiti, a un pubblico trasversale, cittadini di ogni età e alle imprese, grazie anche all’impegno e alla passione dei nostri Ambassador e ai tanti volontari di diverse scuole».

«Abbiamo scelto anche quest’anno di essere parte di DIGITALmeet, un’occasione unica per portare l’alfabetizzazione digitale nei luoghi della quotidianità -ha aggiunto Giorgio Zanchetta, Presidente di t2i trasferimento tecnologico e innovazione- Diffondere la cultura del digitale è parte della mission di t2i il cui impegno quotidiano è proprio quello di fornire gli strumenti per capire e dialogare con i cambiamenti imposti da intelligenza artificiale, robotica, realtà aumentata e big data. Tutte trasformazioni che stanno cambiando il modo di lavorare e definendo le professionalità del futuro prossimo. Nel nostro paese il gap di competenze digitali diffuse costituisce uno grande svantaggio competitivo: secondo l’indice internazionale che misura il livello di competenze digitali, nel 2018 l’Italia si piazza quart’ultima fra i Paesi dell’Unione Europea. E questo ha importanti ricadute anche sul mondo del lavoro in termini di mismatch tra imprese e giovani, e nella implementazione di modelli di business innovativi».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I segni evidenti di calo glicemico

  • Il piede diabetico: cure e trattamenti

  • Vince 20mila euro al Lotto e offre il caffè a tutto il bar

  • Dramma nei bagni del McDonald's: trovato morto un 44enne, si sospetta l'overdose

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: fiere e mercatini accendono l'autunno

  • Malore dopo lo spinello: la causa della morte non è stato il trauma cranico

Torna su
TrevisoToday è in caricamento