Alla Fondazione Benetton un corso dedicato ai maestri del cinema

Stanley Kubrick, Billy Wilder, Roman Polanski e i Fratelli Coen saranno i protagonisti del nuovo corso ideato dall'associazione Cineforum Labirinto al via dall'11 febbraio

Un fotogramma di "2001: Odissea nello spazio" di S. Kubrick

A partire da lunedì 11 febbraio, Cineforum Labirinto organizza un corso di cinema dedicato alla scoperta di quattro registi che hanno influenzato il linguaggio e la storia della Settima Arte. Partendo dalla visione e dall’analisi di spezzoni saranno esaminati alcuni capolavori di quattro grandi maestri: Stanley Kubrick, Billy Wilder, Roman Polanski e i Fratelli Coen.

Il corso, ideato e curato dal professor Marco Bellano, critico cinematografico e docente presso l’Università degli Studi di Padova, è rivolto a studenti, videomaker, insegnanti e appassionati di cinema che vogliano scoprire o approfondire la cinematografia dei registi selezionati con una particolare attenzione alle connessioni e alle influenze tra i protagonisti delle lezioni. Il corso si articola in 6 incontri da 2 ore che si terranno di lunedì dalle ore 20.30 alle 22.30 a partire da lunedì 11 febbraio 2019 presso l’Aula seminari della Fondazione Benetton Studi Ricerche – Spazi Bomben, situata in via Cornarotta n. 7, a pochi passi da Piazza Duomo. Il costo del corso è pari ad 80 euro (ridotto a 75 euro per under 26 e over 65) e il termine per le iscrizioni è fissato per venerdì 8 febbraio. Il corso inizierà con un modulo dedicato a Stanley Kubrick e alle sue immortali pellicole come “2001: Odissea nello spazio” (1968), “Arancia meccanica” (1971) e “Shining” (1980). La filmografia di Kubrick è al tempo stesso una sfida al cinema di genere e la sua più alta celebrazione. Ad ogni pellicola l’orizzonte narrativo del regista cambiava totalmente, portando una rivoluzione nelle convenzioni a cui industria e spettatori erano avvezzi; eppure, la precisione calcolata e quasi spietata con cui ogni elemento veniva ricollocato finiva per trasformare tali film, paradossalmente, in nuovi riferimenti canonici. A unificare i molteplici volti di Kubrick stava un senso estetico profondamente consapevole e riconoscibile, fondato sulla pratica della fotografia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Assoluto gigante della commedia ma non solo, Billy Wilder manifestò il suo eclettismo a partire dalla scrittura: quello che sarebbe diventato uno dei più poliedrici e prolifici registi cominciò a mettere alla prova il suo ingegno come sceneggiatore, a partire dagli anni 30. Ne risultò un temperamento artistico arguto, a suo agio nella commedia ma di bruciante efficacia anche nel dramma. Ogni genere era da lui trattato con la brillantezza visiva e verbale, sia che fosse il noir raffinato di “Viale del tramonto” (1950), la commedia travolgente di “A qualcuno piace caldo” (1959) o il dramma struggente di “L’asso nella manica” (1951). Il terzo regista che sarà analizzato durante il corso è Roman Polanski, anch’esso una celebrazione dell’eclettismo più alto: il regista, di origini polacche, ha articolato la sua carriera tra commedie, noir, film in costume e film storici, raggiungendo forse il suo massimo risultato con “Il pianista” (2002). Lo sguardo di Polanski è spesso fermo sulle relazioni umane e le loro tragedie, con un pessimismo che trae spunto anche dalle difficili vicende private del regista, dal brutale omicidio della moglie Sharon Tate alla controversa vicenda giudiziaria relativa a Samantha Geimer. Nel cinema, Polanski ha trasfigurato i suoi conflitti interiori in uno stile talvolta aggressivo, talvolta lirico, ma sempre coerente. In questo percorso tra registi, i Fratelli Coen chiudono un cerchio, aprendone molti altri. Pur essendo tra i registi che più rigettano l’etichetta di autori, muovendosi con divertita sfacciataggine tra i generi più classici - non ultimo il western con Il Grinta (2010) e La ballata di Buster Scruggs (2018)-, i Coen spesso tradiscono proprio la classicità che celebrano. Sceneggiatori, registi e montatori delle loro opere, i due fratelli, anche nascondendo i loro singoli apporti creativi dietro un nome collettivo che è quasi uno pseudonimo, non possono infine evitare di lasciare un segno “d’autore”, grazie a una potente coerenza di temi, stilemi visivi, volti d’attore e umorismo. Per info e iscrizioni scrivere una mail all'indirizzo: cineforumlabirinto@gmail.com

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento