"Finché c'è Prosecco c'è speranza": proiezione speciale a Revine Lago

Il film con Giuseppe Battiston sarà proiettato venerdì 15 giugno nel piccolo borgo trevigiano alla presenza del regista Antonio Padovan che per l'occasione incontrerà gli spettatori

REVINE LAGO Venerdì 15 giugno, alle ore 21, in piazza San Matteo, il lungometraggio “Finché c’è prosecco c’è speranza” aprirà il ciclo di proiezioni dal titolo: “Rassegna d'Estate: i venerdì sera alla scoperta di Revine Lago", il cui scopo è quello di far scoprire il piccolo borgo trevigiano attraverso il cinema.

Antonio Padovan, regista nato nel Coneglianese, trae la sua storia dall’omonimo romanzo dello scrittore Fulvio Ervas: insieme dipingono la storia dell’ispettore Stucky (interpretato da Giuseppe Battiston), che si ritrova a cercare il responsabile di alcuni delitti “tra Conegliano e Valdobbiadene, tra borghi e abbazie, con un seguito di vignaioli, Confraternite del Prosecco e matti di paese”. Un racconto giallo, dai toni raffinati e per nulla pretenziosi, che oltre a raccontare una storia avvincente fatta di presunti suicidi e morti accusati di omicidio, funge da pretesto per evidenziare un problema che è sempre più urgente, anche nel Veneto di quella che Padovan definisce “Proseccolandia”: quello della sostenibilità. “È un’indagine impregnata di riflessioni sul futuro che vogliamo” dice il regista, “un ritratto di un territorio ingarbugliato tra progresso e tradizione, tra eccellenze a vergogne. Una lettera d’amore. Autentica.”

La realtà di Revine Lago non è stata soltanto set delle riprese, ma anche parte attiva del film in quanto comparse, controfigure e organizzazione sono originarie della zona. Da qui parte Rassegna d’Estate, che vedrà il meglio del cinema veneto recente illuminare Revine Lago per cinque venerdì consecutivi: un cineforum itinerante a ingresso libero che si sposterà dal cuore del borgo di Revine fino in cima alla montagna, per passare per il borgo della frazione di Sottocroda e arrivare sulle sponde del lago di Lago e di Santa Maria. “Abbiamo voluto animare il paese, offrendo la possibilità di fruire di alcune proposte cinematografiche e consentendo ai partecipanti di conoscere gli autori, che dopo il film saranno a disposizione del pubblico. Il tutto nella splendida cornice dei nostri borghi storici e del nostro verde”, dichiara il sindaco Michela Coan. “Vogliamo che Revine Lago diventi un luogo dove si fa e si propone cultura. Invito i cittadini, ma anche chiunque desideri scoprire questo paese”. In caso di maltempo la proiezione del film avrà luogo nel “Salone della comunità” di Lago, a cinque minuti in auto dalla storica piazza San Matteo.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Ciclismo trevigiano in lutto: Christian Cigaia perde la vita a soli 47 anni

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • Schianto frontale tra camion e auto sulla Postumia, muore 60enne

  • «Lo ha fatto apposta, ha sterzato di colpo contro l'altra macchina»

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento