Il trevigiano Claudio Calia ospite del più grande festival del fumetto nel mondo arabo

E' tra i cento autori internazionali invitati alla rassegna. Nato a Treviso ma padovano di adozione, le sue ultime pubblicazioni raccontano la guerra in Iraq. A strisce

TREVISO Un autore di fumetti trevigiano al Fibda, Festival International de la Bande Dessinee d'Alger, il più grande festival di fumetto del mondo arabo, giunto all'undicesima edizione. Inaugurato martedì 2 e si concluderà sabato 6 ottobre a Algeri vede tra gli ospiti internazionali della rassegna, anche il padovano Claudio Calia. 

Calia

Nato a Treviso ma padovano di adozione, è autore di diverse opere di Graphic Journalism: dal racconto del processo sul Petrolchimico di Marghera alla questione democratica dietro al Treno Alta Velocità Torino-Lione, fino al suo ultimo libro, "Kurdistan. Dispacci dal fronte iracheno" frutto di un viaggio in Iraq al seguito degli operatori umanitari della ONG Un Ponte Per. Tutti in libreria per la casa editrice BeccoGiallo, anch'essa con sede a Padova. Proprio per questi ultimi lavori ambientati in Iraq, Claudio Calia si è costruito una certa fama in quella nicchia, sempre più grande a dire il vero, di persone che si avvicinano al fumetto anche da queste parti. Tra i lavori di questo ultimo periodo anche una pubblicazione in arabo, con tanto di impaginazione in modo da leggerlo sfogliandolo da destra a sinistra. In Iraq, Calia, ha tenuto anche workshop di fumetto nelle zone colpite dalla guerra ai ragazzi e ragazze. Sia nei campi profughi che nei centri giovanili gestiti da Un Ponte Per.

Cento Autori

Ma sono più di cento gli autori da tutto il mondo che partecipano a questo festival internazionale, che è anche uno dei pochi momenti di possibilità di incontro e svago per i giovani della città. Il festival alterna presentazioni, workshop, esposizioni e sfilate di cosplayers, oltre a offrire ai tanti autori presenti la possibilità di conoscersi organizzando momenti di socializzazione, tra cui la festa di apertura presso l'ambasciata canadese di Algeri. Ogni anno viene deciso un paese ospite della manifestazione, che per questa edizione è appunto il Canada. Non mancano, previsti nel progamma, momenti dedicati ai video game e cosplay. 

Conferenza

L'Istituto di Cultura Italiano di Algeri ha invitato quattro autori dal nostro paese organizzando una conferenza per il 4 ottobre dal titolo "Genre littèraire: le Graphic-Journalisme en Italie". Gli ospiti sono Laura Scarpa, veneziana ma romana di adozione che festeggia quest'anno 40 anni di carriera, Lorena Canottiere, autrice di Cuneo residente a Torino, l'italo-tunisina Takoua Ben Mohamed e il padovano Claudio Calia, autore di diverse opere di Graphic Journalism per la casa editrice BeccoGiallo. Modera Bruno Fermier, rappresentante di CanalBD, una catena di librerie specializzate in fumetto con 113 punti vendita tra Belgio, Svizzera, Canada e Francia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la Ferrari del papà il figlio di mister Nice

  • Camionista trovato morto nel parcheggio del centro commerciale Arsenale

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: tre giorni di feste e divertimento

  • Lutto nel mondo del Prosecco: Orfeo Varaschin muore a 50 anni

  • Autotreno pieno di ghiaia si ribalta in strada: traffico in tilt

  • Camper sbanda e distrugge una balaustra del ponte di Vidor: gravi disagi al traffico

Torna su
TrevisoToday è in caricamento