Mostra "Impermanence" @B#S Gallery

“Vanitas vanitatum et omnia vanitas”: La fragilità e la caducità dell’essere umano -storicamente oggetto iconografico in tempo di guerra- hanno trovato espressione anticamente nel Memento Mori romano, e poi nella simbologia della Vanitas del XVII secolo, alle porte della sanguinosa guerra dei trent’anni.

La mostra accompagna il visitatore in una inedita indagine visiva su questa iconografia, attraverso una narrazione dedicata ai concetti di memoria –anche legata ad esperienze di guerra– e di perdita identitaria: le opere mettono a nudo l’impermanenza dell’essere umano, facendo riferimento ad elementi iconografici quali la polvere, il gesto della cancellazione e il lento dilavarsi dei contorni e delle figure. Nel tentativo di catturare l’inesorabile fluire del tempo, le opere traducono sentimenti universali validi nell’antichità come oggi, rappresentando la fugacità della vita, e suggerendo la memoria personale e familiare come forza-antidoto alla cancellazione.

Nel contemporaneo, momento di transizione non privo di violenza, la rappresentazione della fragilità della vita umana restituisce nuovi significati grazie alle opere di artisti internazionali: opere pittoriche, video e installative che si rifanno ad un immaginario fortemente ancorato nella memoria collettiva, esplorando simboli antichi in chiave attuale. Con materiali di volta in volta impalpabili o pesanti, con linguaggi tangibili o concreti, gli artisti invitando ad una riflessione suggestiva e simbolica sui concetti di memoria e di ricostruzione identitaria. Ne emergono rappresentazioni capaci di parlare di un’esperienza universale, comune a tutti gli uomini e percepita con forza in tempi difficili: la caducità della vita.

In mostra, opere di: Claudio Beorchia, Mario Loprete, Sylvia Griffin, Silvia Cavallari, Lorenzo Bordonaro, Coral Woodbury, Stelios Maganis, Anne O’Callaghan, Carola Minincleri.

Inaugurazione: giovedì 7 dicembre, ore 19.00. Per l’occasione, un talk con gli artisti Claudio Beorchia e Silvia Cavallari, e un aperitivo invernale. La mostra è visitabile dall’8 dicembre 2017 al 27 gennaio 2018, presso la B#S Gallery (Vicolo Isola di Mezzo 3/5, 31100, Treviso). Ingresso gratuito, visite guidate sempre disponibili in loco. Info e prenotazioni: info@iodeposito.org +39 375 5532009

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Mostra “Sapiens. Da cacciatore a cyborg”: viaggio attraverso l'uomo e la sua evoluzione

    • Gratis
    • dal 15 febbraio al 30 agosto 2020
    • Museo di Storia Naturale e Archeologia
  • Dalle Dolomiti al Sile: Ca' Robegan ospita una mostra dedicata al Veneto

    • Gratis
    • dal 4 al 26 luglio 2020
    • Casa Robegan - Ca’ Da Noal

I più visti

  • La Via dei Mulini, tra boschi incantati e antichi mestieri

    • 26 luglio 2020
  • Pillole di bon ton sul web con l'imprenditrice Giuliamaria Dotto Pagnossin

    • Gratis
    • dal 27 marzo al 31 luglio 2020
    • ogni venerdì nei canali ufficiali dell’agenzia di eventi (basterà digitare @giuliamariadotto su Youtube, Facebook o Instagram)
  • Cinema all'aperto: biglietti scontati a chi spende in ristoranti, bar e negozi della città

    • dal 22 giugno al 6 settembre 2020
    • Cinema Teatro Busan
  • Coronavirus, Mister Italia 2020 non si ferma e diventa "Mister Italia Web"

    • Gratis
    • dal 30 marzo 2020 al 12 aprile 2021
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    TrevisoToday è in caricamento