Pamali festival 2017: svelato il programma ufficiale della rassegna

CISON DI VALMARINO E’ completo e ufficiale il programma dell’ottava edizione del PAMALI, il festival organizzato dall’Associazione Culturale Pamali Project con il Patrocinio del Comune di Mel, che torna quest’anno con un ricco programma di sei giorni, dal 10 al 15 agosto al Passo San Boldo.

Alla sua 8^ edizione, il Pamali Festival conferma il suo carattere originale offrendo una consolidata vetrina a realtà affermate e a quelle emergenti e soprattutto è inarrestabile officina di produzioni originali. Sei giorni di appuntamenti con musica live, performance artistiche, DJ set, laboratori per grandi e bambini, incontri, spettacoli di fuoco e flow art, con uno sguardo attento anche all’arte contemporanea con il percorso espositivo Pamarte “706 Arte in Quota”, e ancora cucina biologica, campeggio, un mercatino e tante sorprese. Il Pamali Festival ancora una volta offre i suoi spazi aprendo i confini a tutte le espressioni artistiche più vitali e interessanti. Il nome PAMALI sta per "Pace, Amore e Libertà", parole adottate per comporre il nome dell’impegno che l’Associazione Pamali Project si pone: la creazione di uno spazio in cui fondere arte e musica, sperimentazione, partecipazione e valorizzazione del territorio.

Il festival animerà la vallata della splendida Valbelluna, in particolare il Passo San Boldo, terra di confine fra la provincia di Treviso e quella di Belluno, passaggio di interesse storico, sportivo e naturalistico. Tanti gli artisti che fanno parte del programma del PAMALI FESTIVAL 2017, alcuni più noti al grande pubblico, altri decisamente più di nicchia. Tra gli headliner di questa edizione: Africa Unite, il gruppo più longevo e rappresentativo del reggae made in Italy, l’australiano Dub Fx, beatboxer, un mc, un musicista, le sue ritmiche e le sue rime hanno colpito l’attenzione di milioni di passanti per strada, da dove ha iniziato la sua sorprendente carriera live. E ancora Jamaram e Dirty Honkers dalla Germania, Radio Zastava, Rebel Rootz e Small Jackets, Alberto Visentin & The Cocco’s Nuts. Grandi nomi e nuove scoperte musicali (Compagnia Air Frank, Carlo Ga, Hamka, The Admirals, MAGz, Hit-Kunle, Dani, Hanky Panky, Arcadia PANk Trio, NME) che si esibiranno nel village stage. E quest’anno il Pamali Festival, con il prezioso supporto del club Anomalie di Berlino, è diventato anche talent scout. E’ stata aperta una call rivolta a band con base a Berlino. Fra tutti i partecipanti sono state scelte 4 band che hanno suonato dal vivo in una serata evento sabato 24 giugno presso Anomalie Club a Berlino. I gruppi finalisti sono stati votati dalla giuria formata dallo staff del Pamali, di Anomalie e dal pubblico. Si è aggiudicato il contest il gruppo degli Skate Chords che voleranno in Italia e porteranno sul main stage del festival il loro punk-rock irriverente, un mix esplosivo di musica ed energia nella serata di venerdì 11 agosto. Sin dalla sua prima edizione il ‎Pamali Festival ha avuto come intento quello di unire alla musica altre forme di cultura e arte; ritorna anche quest’anno "Pamarte - 706 Arte in Quota", collettiva d’arte contemporanea, con opere e installazioni di artisti scelti tra i più significativi del panorama nazionale e internazionale.

La mostra, intitolata “A-MORS REVOLUTIO-ONIS”, si snoderà dal centro del paese verso l’area del festival e includerà una sezione outdoor, una indoor nel padiglione “Il Mattatoio” e si arricchisce della sezione “Pamarte live” che vedrà la presenza di alcuni artisti in residenza, che svilupperanno i loro progetti nei sei giorni del festival. “Amor-s Revolutio-onis” tende a tracciare una nuova ma antica narrativa dell’amore: amore puro, naturale, invisibile e potente, energia cosmica, vibrazioni costanti impersonali e incomprensibili. Tra gli artisti presenti, da segnalare l’inglese Flee Jones, fabbro e creativa, è stata parte del team di artisti che hanno creato le sculture per la cerimonia di chiusura dei Giochi paralimpici di Londra e nel 2015 ha lavorato con l’artista Joe Rush, costruendo una scultura di 27 metri per il palco principale del Glastonbury, il più grande e il più prestigioso festival musicale e di spettacolo del Regno Unito. Le sue creazioni in metallo possono essere viste all’Unfairground (Glastonbury Festival), al Walk the planks Fire Gardens e al Burning Man (USA).
Un festival per godere del piacere di stare a contatto con la natura, cercando il relax e il divertimento per un’esperienza forte e magica.Una realtà consolidata, mai uguale tuttavia, se non nei luoghi e nell’amore per ciò che è bello.
Programma completo:
http://www.pamali.it
➤Disponibili abbonamenti e day-ticket:
Prevendite: http://www.pamali.it/acquista-biglietti
Biglietto ingresso singola giornata: Euro 15,00
Biglietto ingresso pacchetto 3 giorni: Euro 40,00
Biglietto ingresso pacchetto 6 giorni: Euro 60,00
Pagina FB: https://www.facebook.com/PAMALIFESTIVAL/
Trailer: https://vimeo.com/216238058
***camping e parcheggio sono inclusi nei prezzi dei biglietti e dei pacchetti abbonamento ***Area totalmente coperta

MAIN SPONSOR: MEET YOUR VIBES Music Studios
Con il supporto di: Ecor NaturaSi Cuore Bio

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Negrita in concerto a Montebelluna per il giorno di San Valentino

    • 14 febbraio 2020
    • PalaMazzalovo
  • Suoni dalla Venezia di Shylock: concerto con l’ensemble Lucidarium

    • 25 gennaio 2020
    • Chiesa di San Teonisto
  • Giorno della Memoria 2020 - La speranza oltre l'orrore

    • Gratis
    • 25 gennaio 2020
    • Chiesa di San Francesco

I più visti

  • Eco City Lab: la città di mattoncini eco - sostenibile

    • dal 14 dicembre 2019 al 26 gennaio 2020
  • “Per non dimenticare”: ecco la mostra con scritti e oggetti di ex internati

    • Gratis
    • dal 13 aprile 2019 al 27 gennaio 2020
    • Museo degli Alpini
  • Da Segusino a Stramare: escursione tra presepi, natura e leggende

    • 26 gennaio 2020
    • Di fronte alla Chiesa Parrocchiale di Santa Lucia
  • Camminata alla scoperta del Montello, tra natura e memorie di Guerra: il Cimitero inglese

    • 26 gennaio 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    TrevisoToday è in caricamento