"Tutto quello che so del grano": con il Teatro delle Ariette il frumento diventa sinonimo del sapere umano

Un’incantevole immersione nel paesaggio di villa è quello che ci attende sabato 8 luglio a Castello di Godego con il pomeriggio “Un borgo di ville”, nell’ambito programma 2017 di Centorizzonti Paesi&Paesaggi, progetto culturale della omonima rete di 17 Comuni trevigiani e bellunesi condiviso con la Regione del Veneto e con la concezione artistica di Echidna Associazione culturale. Un primo momento sarà dedicato alla visita di Villa Priuli (via Marconi, alle 16.30), con attenzione ai suoi affreschi e al museo civico archeologico (che ha sede nella dimora storica), e del parco romantico con laghetto della settecentesca Villa Mocenigo Garzoni Martini (via Marconi 83, alle 17.30), mentre sul far della sera, alle 19, al Barco Mocenigo spazio al teatro con “Tutto quello che so del grano” di Paola Berselli e Stefano Pasquini (attori nello spettacolo insieme a Maurizio Ferraresi), con la scenografia e i costumi del Teatro delle Ariette e la regia Stefano Pasquini, e a seguire il convivio.

Al pomeriggio, per godere del complesso urbano, il borgo di ville, la strada verrà chiusa al traffico e si potrà accedere a piedi, potendo raggiungere con una piacevole passeggiata sia Villa Priuli che Villa Mocenigo e il Barco. Queste ultime due location sono private e saranno aperte al pubblico eccezionalmente per il pomeriggio Centorizzonti.  La sera, invece, spazio al teatro. “Tutto quello che so del grano” rappresenta un nuovo percorso di ricerca della compagnia bolognese Teatro delle Ariette verso un teatro umano e necessario, civile e poetico che si trasforma in alcune condizioni da percorso personale a evento collettivo, dove ognuno, con la propria presenza, diventa l’artefice di quell’incontro magico chiamato Teatro.

Nel contesto del Barco (e non barchessa, per la sua destinazione non solo rustica ma anche residenziale e di rappresentanza) della villa settecentesca, che come tutte le ville venete non era unicamente destinata allo svago dei proprietari ma era anche soprattutto un complesso produttivo agricolo, diventa naturale parlare del grano, che nasce dal sapere dell’uomo, e lo spettacolo è una sorta di pausa, una meditazione collettiva su quello che sappiamo di noi stessi, dei nostri simili e della terra che abitiamo. "Alle soglie dei sessant’anni, - spiega Paola Berselli, autrice e attrice sul palco con Stefano Pasquini e Maurizio Ferraresi - qualcosa devi pure avere imparato, qualcosa devi sapere, e questo qualcosa non puoi tenerlo per te, perché fai teatro, perché sei un’attrice. Quel “sapere” che cerchiamo, che vogliamo ascoltare e raccontare non è solo un sapere scientifico. Cerchiamo piuttosto di condividere un sapere intuitivo e sentimentale, che appartiene al campo dell’esperienza materiale: i ricordi, le emozioni, i sentimenti, la farina, l’acqua, il pane e il vino”.

“Tutto quello che so del grano” è fatto pertanto di pochi, semplici elementi - una lettera, una focaccia, un uomo e una donna, la campagna e il teatro - ed è uno spettacolo “a forma di imbuto”: quando si arriva al collo dell’imbuto, se si vuole passare di là, bisogna fare i conti con quello che si è, con la materia di cui si è fatti. Noi vogliamo passare di là, attraversare il buio di questo presente e arrivare nell’aperto, in quel posto dove sbocciano i fiori a non finire, per immaginare un altro mondo, un futuro possibile, luminoso, fosse anche tra migliaia di anni.

E mentre si impastano e si infornano le focacce da consumare poi con il pubblico, attorno a un bicchiere di vino, si condivide un’altra tappa quotidiana di un uomo e una donna, Stefano Pasquini e Paola Berselli, che vivono insieme da più di trent’anni continuando a coltivare la terra e a fare teatro. Il grano, al quale è intitolato loro lavoro, è l'infanzia di Paola, la sua origine, il suo primo per sempre. Negli anni Pasquini è diventato un gran maestro del grano, un fine conoscitore di farine, di focacce, di pane, un esperto delle origini di sua moglie: è diventato la sua altra origine, fino a desiderare d'averla incontrata da bambina, per crescere con lei, per essere davvero sempre stato la sua famiglia, il suo ritorno.

In caso di pioggia lo spettacolo si svolgerà a Villa Priuli. Posti limitati, prenotazione necessaria ai numeri 041 412500, 340 9446568. Al termine dello spettacolo seguirà il convivio, del quale faranno parte anche le focacce preparate in scena. Il pomeriggio sarà raccontato da Radio Veneto Uno, media partner di Centorizzonti Paesi&Paesaggi 2017. A seguito di questo appuntamento, Centorizzonti Paesi&Paesaggi tornerà a settembre con le ultime due proposte del programma 2017.

BIGLIETTI: euro 25,00 biglietto e convivio, euro 10,00 solo spettacolo

Biglietteria online: mailticket.it

Per informazioni: www.echidnacultura.it

teatro ariette 2-2-2

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Tratti: l'opera d'arte va in scena nonostante il Coronavirus

    • Gratis
    • dal 11 aprile al 31 maggio 2020

I più visti

  • Montebelluna dedica una mostra a Thomas Edison: «L'uomo che inventò il futuro»

    • dal 17 novembre 2019 al 31 maggio 2020
    • Meve
  • Film a soli 3 euro dopo lo shopping: l'idea del Multisala Corso

    • dal 28 ottobre 2019 al 30 giugno 2020
    • Multisala Corso Treviso
  • A Oderzo una mostra con 50 corredi ritrovati negli scavi dell'antica necropoli romana

    • dal 23 novembre 2019 al 31 maggio 2020
    • Museo archeologico Eno Bellis
  • Pillole di bon ton sul web con l'imprenditrice Giuliamaria Dotto Pagnossin

    • Gratis
    • dal 27 marzo al 31 luglio 2020
    • ogni venerdì nei canali ufficiali dell’agenzia di eventi (basterà digitare @giuliamariadotto su Youtube, Facebook o Instagram)
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    TrevisoToday è in caricamento