Conto alla rovescia per Valdobbiadenejazz

La città si appresta, per un intero weekend, dal 4 al 6 ottobre prossimi, a vibrare di jazz, grazie a tredici straordinarie esibizioni che si terranno fra il teatro Bocassino, l’auditorium Piva, piazza Marconi, cantine e locali del centro cittadino

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

L’evento, alla sua prima edizione, è stato ideato e organizzato dal Consorzio Valdobbiadene. Il Festival, destinato a trasformarsi in evento ricorrente, ha il merito di aver saputo costituire per la prima volta una solida rete fra istituzioni, operatori del commercio e produttori vitivinicoli locali, con lo scopo di valorizzare il salotto buono della città e le attività che lo racchiudono, dando forma e sostanza ad un vero e proprio investimento di marketing territoriale, stimolando la crescita del turismo anche alla luce del recente riconoscimento dell’UNESCO. Il Jazz, da sempre, esercita un grande potere attrattivo su un pubblico vasto ed eterogeneo, al quale sarà offerto, oltre alla possibilità di ascoltare artisti di fama internazionale, di approfondire la conoscenza del territorio, la sua storia e le sue tradizioni enogastronomiche. Si tratta di un progetto innovativo ed organico che gode del patrocinio del Touring Club Italiano, della Regione Veneto, del CUOA di Altavilla Vicentina, e che coinvolgerà pure le scuole (ISISS “G. Verdi” e “Dieffe P. Berton”). Gli studenti, inseriti nel modulo di alternanza scuola-lavoro, si occuperanno dell’accoglienza, del supporto tecnico e dei social media. Il programma, con la direzione artistica di Vincenzo Barattin (agenzia di spettacolo ArteRitmi), non prevede sovrapposizioni; pertanto agli amanti della musica è garantita la possibilità di partecipare a tutti gli eventi in calendario nella tre giorni, che può pertanto essere vissuta come una entusiasmante maratona! Evento nell’evento, la presentazione del libro di Enrico Merlin dedicato a un mostro sacro del jazz “Miles Davis 1959”, con la partecipazione di David Boato, una delle più apprezzate voci trombettistiche internazionali.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento