Un albero per ogni nuovo bambino nato: domenica la consegna

Il Comune di Montebelluna continua a sostenere l'iniziativa che unisce le nuove nascite alla tutela del verde urbano. In sei anni di progetto sono stati piantati 521 alberi

E siamo a quota 521: tanti sono gli alberi che, con i nuovi che saranno consegnati domenica 7 aprile e piantati a Montebelluna nell’ambito dell'iniziativa “Un albero per ogni nato” promossa dall'amministrazione comunale a partire dal 2013.

Saranno infatti consegnati domenica alle ore 11 presso la sede de "Il Castagno" a San Gaetano gli alberi nell'ambito della cerimonia che vedrà il saluto delle autorità e a seguire la consegna ai genitori delle piante e dei diplomi per i nuovi nati ed infine l'aperitivo offerto dai comitati civici. Con l'iniziativa si dà adempimento alla legge n.113/1992 che prevede la piantumazione di un albero per ogni nuovo nato, residente nel Comune, coinvolgendo i genitori dei bambini nella scelta del tipo di pianta e dell’area in cui metterla a dimora. Ogni pianta porterà una fascetta con indicato il nome del bambino e un numero identificativo della pianta. L’iniziativa punta a promuovere un legame diretto tra il bambino, la sua famiglia e l'albero che verrà piantato. Ai genitori, all'atto della registrazione del neonato presso l'anagrafe, viene consegnato un modulo in cui possono esprimere una preferenza rispetto al tipo di pianta (da frutto, ornamentale con o senza fiori) e scegliere se piantare l'albero in un'area privata dove accudirlo personalmente, o in un'area pubblica a propria scelta o a scelta dell'amministrazione comunale. Commenta il vicesindaco, Elzo Severin: «A sei anni dall’avvio dell’iniziativa, e a fronte dei tre contestatissimi alberi abbattuti per ragioni di sicurezza, sono 521 gli alberi consegnati e piantati in città, di cui 35 domenica. Anche questa edizione l'albero più richiesto è il ciliegio, scelto da 10 famiglie, seguito dall’olivo (6), dall’albicocco e dal cedro del Libano (3)».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Male incurabile: addio a Sonia Scattolin, segretaria della Regione

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

Torna su
TrevisoToday è in caricamento