«Troppo Prosecco prodotto: il boom rischia di diventare una bolla»

Simonetta Rubinato, presidente dell’associazione Veneto Vivo ed ex parlamentare del Pd si rivolge ai rappresentati del Consorzio di tutela Prosecco dopo la produzione del 2018

Il boom del prosecco fa discutere. Mentre Confagricoltura trevigiana e Diocesi di Vittorio Veneto puntano il dito contro il diserbo chimico, Simonetta Rubinato, presidente dell’associazione Veneto Vivo ed ex parlamentare del Pd, chiede ai rappresentati del Consorzio di tutela quale strategia intendono adottare per il futuro per evitare la “bolla del Prosecco”.

«La sovrapproduzione della vendemmia 2018 e le code chilometriche dei trattori che trasportavano l’uva nelle cantine sociali, con un crollo dei prezzi del 50% di cui molti piccoli agricoltori si accorgeranno solo al pagamento del saldo a novembre prossimo – scrive nella sua pagina Facebook commentando una recente dichiarazione del giornalista Federico Rampini che ha parlato di ‘globalizzazione del prosecco’ come vittoria di una guerra lampo - è stato solo un episodio eccezionale o ha segnato l’inizio di un’inversione di marcia? Un fenomeno dal successo di queste dimensioni va governato con una vision lungimirante, pianificando quantità e qualità dei beni economici, sociali e ambientali in gioco, dall'estensione dei vigneti alla sostenibilità della produzione, dalla tutela del territorio a quella dell’eccellenza del prodotto». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ritorno dalla discoteca, Alberto Antonello positivo alla cannabis

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

Torna su
TrevisoToday è in caricamento