Buone novità per il Consorzio dell'asparago di Badoere: cambia il disciplinare

Giovedì 12 settembre, nella cornice della Rotonda, l’istruttoria con l’audizione pubblica

A ridosso del 2020, anno che vedrà il Consorzio dell’Asparago di Badoere Igp compiere i suoi primi dieci anni di riconoscimento della certificazione geografica, il Consorzio si appresta alla modifica del disciplinare di produzione. Dopo un lungo iter l’istruttoria di modifica, che è stata seguita dalla Regione Veneto ed ora approdata al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali per la parte di evidenza pubblica, terminerà con l’incontro pubblico che si terrà il 12 settembre a Badoere di Morgano presso la storica chiesa che si affaccia sulla Rotonda di Badoere alle ore 17.

«Quella dell’asparago è una coltura in crescita, che il mercato chiede e per la quale paiono esserci ampi margini di incremento» sottolinea il presidente del Consorzio dell'Asparago di Badoere Igp Aronne Basso « Proprio per dare risposta alla sempre maggiore richiesta di prodotto certificato i soci del consorzio hanno da tempo intrapreso un percorso di modifica del disciplinare che pur rimanendo rigoroso e rispettoso della tradizione sarà al contempo evolutivo ed innovativo». I principali cambiamenti riguarderanno le varietà coltivabili di asparagi bianchi e verdi che permetteranno maggiori rese per ettaro: le modifiche che il Consorzio ha messo in atto riguarderanno così l’introduzione di nuove varietà che permetteranno oltre che di ridurre i trattamenti anche di ampliare la compagine sociale.

Nel rispetto dei principi fondativi del Consorzio il cambiamento non vedrà modificata l’area di produzione e confezionamento dell’Asparago di Badoere Igp. Questa continuerà a comprendere nell'ambito delle province di Treviso, Padova e Venezia, l'intero territorio dei seguenti comuni: Casale sul Sile, Casier, Istrana, Mogliano Veneto, Morgano, Paese, Preganziol, Quinto di Treviso, Resana, Treviso, Vedelago, Zero Branco, Piombino Dese, Trebaseleghe e Scorzè. «Il non nascosto obbiettivo del consorzio è quello di avere nuovi produttori in grado di certificare rispettando l’ambiente e contemporaneamente aumentare le quantità di prodotto certificato per rispondere alla crescente domanda dei consumatori» chiude il presidente Basso. Una volta concluso l’iter, il nuovo disciplinare tornerà a Bruxelles per l’approvazione definitiva da parte dell’Unione Europea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

  • Acqua micellare: le verità nascoste

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

  • Schianto contro un'auto mentre torna da lavoro, muore operaio 49enne

  • Suicidio sui binari a San Fior, Venezia-Udine bloccata per tre ore

Torna su
TrevisoToday è in caricamento