Edificio ad energia zero: la riqualifica "green" di Crocetta del Montello

Per le opere è previsto un investimento di 690 mila eruo ed EDILVI ESCo ha ottenuto un contributo dal GSE di 471mila euro

CROCETTA DEL MONTELLO In collaborazione con EDILVI ESCo, Crocetta del Montello è il primo Comune del Veneto ad ottenere la prenotazione dei fondi al GSE per la trasformazione di un edificio esistente in un edificio nZEB, ossia un edificio ad energia quasi zero e ad altissime prestazioni energetiche, mediante stipula di un contratto attuativo EPC. L’edificio identificato è la palestra comunale di via Brentellona 1 che verrà riqualificata a partire da giugno 2018. 

Per le opere è previsto un investimento di 690 mila eruo ed EDILVI ESCo ha ottenuto un contributo dal GSE di 471mila euro. La remunerazione dell’investimento verrà garantita dai risparmi ottenuti rispetto agli attuali costi di gestione grazie al notevole incremento dell’efficienza energetica dell’involucro, degli impianti ed al nuovo sistema di building automation con possibilità di tele-gestione dei vari vettori energetici. A seguito di una diagnosi energetica eseguita sul fabbricato è stato possibile quantificare il risparmio garantito all’ente: rispetto agli attuali costi di gestione della palestra di circa 28.500 € annui si stima infatti un minor costo di ben 23 mila euro. Il tutto si traduce in una riduzione delle emissioni di gas serra pari a 34.600 kg di CO2/anno. 

La comunicazione ufficiale del GSE, arrivata nei giorni scorsi, rafforza la collaborazione tra Comune di Crocetta del Montello ed EDILVI ESCo. L’azienda, incaricata già dal 2012 di seguire il servizio di efficientamento energetico dei beni immobili del Comune stesso, avrà la possibilità di accedere ai fondi del GSE in qualità di soggetto responsabile mediante la stipula di un Contratto EPC (Energy Performance Contract). Cosa significa? Per accedere ai fondi del GSE ogni PA ha due strade percorribili: chiedere direttamente i fondi, per proprio conto o avvalendosi di un delegato, oppure avvalersi di una ESCo (Energy Service Company) stipulando un contratto EPC. Nel primo caso le pratiche e gli interventi comporterebbero lunghi percorsi per l’assegnazione degli appalti per gli interventi di miglioramento energetico e la gestione dei contratti nonché elevati costi di gestione; nel secondo caso lavori, gestione degli interventi e pratiche vengono affidati ad un’azienda specializzata e competente che si occupa di tutto il processo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Optando per il secondo caso il Comune attiva una gara preliminare d’appalto per individuare la ESCo di riferimento ed in ultima battuta si occupa della verifica degli interventi nonché del controllo periodico dei risultati ottenuti in fatto di efficientamento energetico; tutto il procedimento (accesso ai fondi, interventi, gestione dell’energia) si alleggerisce e si modernizza portando notevoli benefici economici al Comune. La scelta del Comune di Crocetta del Montello di avvalersi di EDILVI ESCo per la gestione dell’efficientamento energetico dei propri immobili, nonché della riqualificazione della palestra, segna un passo importante nel rapporto tra Pubblico e Privato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Vasto incendio all'azienda agricola Vaka Mora: a fuoco 500 balle di fieno

Torna su
TrevisoToday è in caricamento