A Lovadina sarà costruito il primo impianto a biometano della provincia

Finanziato da Contarina sarà progettato da Asco Energy. L'impianto produrrà gas ricavato dall'umido e servirà a rifornire i camion elettrici per la raccolta dei rifiuti

La sede di Contarina (Foto d'archivio)

Un progetto ambizioso e rivoluzionario. L'azienda trevigiana Contarina, leader nel settore dei rifiuti, finanzierà il primo impianto a biometano della provincia di Treviso. Un progetto che, grazie alla combustione dei rifiuti, permetterà di produrre gas metano utilizzabile nei mezzi per la raccolta rifiuti della società trevigiana.

Come riportato da "La Tribuna di Treviso" a seguire il progetto sarà Asco Energy, società controllata di Ascopiave, nata dalla scissione di Veritas Energia. L'impianto produrrà gas dalla combustione dell'umido raccolto nei Comuni della destra Piave e dell'hinterland trevigiano. Sarebbe il primo centro di questo tipo in provincia di Treviso. I tempi per la realizzazione dell'opera dovrebbero aggirarsi intorno ai due anni. La sede dell'impianto sarà a Lovadina, già da tempo quartier generale di Contarina mentre i costi, stando alle prime indiscrezioni dei ben informati, si aggirerebbero intorno ai dieci milioni di euro

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: direttore dell'Interspar perde la vita a 41 anni

  • Trascinate dalla corrente: due sorelle rischiano di annegare nel Piave

  • Cane abbandonato sotto il ponte di Segusino: trovato il proprietario

  • Infarto fatale, panettiere stroncato a soli 48 anni

I più letti della settimana

  • Morto in mare a Jesolo: indagati due bagnini

  • Autostar vende a prezzo ridotto le auto danneggiate dal maltempo

  • Jesolo: trovato senza vita il ragazzo disperso in mare

  • Gita in pedalò, entra in acqua e non riemerge: disperso un 23enne

  • Trascinate dalla corrente: due sorelle rischiano di annegare nel Piave

  • Malore improvviso alla guida, auto si ribalta: marito e moglie in ospedale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento