Isiss Cerletti ed il progetto Carta di Milano: "La sostenibilità è una filosofia di vita"

Il progetto denominato ha coinvolto gli studenti della scuola di Conegliano insieme ad altri istituti superiori del Trevigiano dall'autunno 2016 ad oggi: il Casagrande di Pieve di Soligo, il liceo Veronese di Montebelluna e il liceo Flaminio di Vittorio Veneto

CONEGLIANO La sostenibilitià. Questo l'argomento di un significativo progetto denominato Carta di Milano che su iniziativa dell'ISISS “Casagrande” di Pieve di Soligo ha coinvolto gli studenti dell'isiss G.B Cerletti di Conegliano insieme ad altri 3 istituti superiori del Trevigiano dall'autunno 2016 ad oggi:  il Casagrande di Pieve di Soligo, il liceo Veronese di Montebelluna, il liceo Flaminio di Vittorio Veneto. Venerdì 2 febbraio gli studenti hanno partecipato come relatori al convegno conclusivo dei lavori che si è tenuto a Milano a Palazzo Lombardia, nella prestigiosa sede della Regione omonima. Sono intervenuti Bracco Diana, già Presidente Expo 2015 e Commissario Generale di sezione per il Padiglione Italia, l'assessore regionale Valentina Aprea, il Vice Ministro per le politiche agricole, alimentari e forestali Andrea Olivero in video messaggio, gli ideatori ecuratori del progetto, il dott. Massimiliano Pillon e il prof. Loris Viezzer del “Casagrande”. 

Il tema principale? La sostenibilità ambientale e sociale prospettata appunto dalla Carta di Milano, nata in margine all'Expo 2015, ed analizzata dai ragazzi in una direzione multidisciplinare secondo il punto di vista sociologico, filosofico, storico, teologico e scientifico, con l'obiettivo di fornire un quadro ampio sull'effettiva portata dei principi di questo documento. Dopo la teoria, la pratica. Gli allievi Zanatta Gianluca e Riccardo da Fre'; neodiplomati, gli allievi Andrea Citron e Giorgia Saugo dell'attuale 4^ A Gestione dell'ambiente e del territorio guidati in questo percorso dai docenti Prof.ssa Licini Alessandra e prof. Da Rodda Walter ed accompagnati all’evento anche dal Vicepreside Prof. Franco Curtolo a rappresentanza dell’Isiss Cerletti, hanno illustrato davanti ad un pubblico entusiasta le loro significative esperienze presso aziende agroalimentari del territorio trevigiano con l'obiettivo di indagare in che misura i principi della Carta di Milano siano promossi all'interno delle realtà che li hanno ospitati: dei veri e propri casi studio.

La metodologia utilizzata è stata quella dell'alternanza scuola lavoro. Le aziende coinvolte: Nadal Valerio Vini, EcorNaturaSì, l'azienda agraria del Cerletti per quanto riguarda i nostri studenti; Borgoluce, Az. Agr. La Dolza, Latteria Perenzin, Consorzio di tutela del prosecco docg, Cantina Il Colle, per quanto riguarda le aziende coinvolte dall'Ist. Casagrande di Pieve. Interessante il report riguardante l'azienda agraria del nostro istituto che ha evidenziato quanto la nostra scuola dia valore alla biodiversità, alla difesa biologica della vite dalle ampelopatie, all'uso di prodotti naturali. 8 studenti in totale hanno svolto questo percorso di formazione, condotti dagli insegnanti dei relativi istituti. Questo progetto è stato un'interessante occasione di collaborazione tra istituti diversi,  tra scuola e mondo del lavoro, tra realtà produttive variegate. "Un  grazie speciale alla nostra Dirigente Scolastica, Prof.ssa Damiana Tervilli, al DS del 'Casagrande' Paolo Rigo, del 'Veronese' Rosita De Bortoli (in collaborazione col prof. Giuseppe De Bortoli) e del 'Flaminio' Emanuela Da Re (in collaborazione col prof. Nereo Lucangelo Pizzardo) che hanno saputo cogliere al volo le potenzialità di questo  progetto speciale per i  ragazzi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa da tre giorni: Giorgia ritrovata a Napoli nella notte

  • Da oltre 24 ore non si hanno più notizie di Giorgia: mobilitati i social per ritrovarla

  • Tumore incurabile, il sorriso di Roberta si spegne a soli 54 anni

  • Abusi sessuali in seminario: «Io, violentato da due preti che ancora esercitano in Veneto»

  • Epatite fulminante, il sorriso di Ennio Vendramini si spegne a 53 anni

  • Tragico schianto fuori strada, muore automobilista

Torna su
TrevisoToday è in caricamento