Il sacrificio e il piacere: da Cuneo a Mogliano in bici per i cambiamenti climatici

Dal Piemonte alla Marca per far assaggiare al pubblico il proprio Nebbiolo Rosé ma anche per sensibilizzare tutti sull'ambiente e la natura che ci circonda

Il sacrificio e il piacere: tra stelle Michelin e Bollicine a Mogliano Veneto ci sono produttori che arrivano in bici dal Piemonte. Gianluca Viberti è difatti partito da Alba (CU) con Oliviero Alotto per condividere il progetto #RunBefore2050 sulla sostenibilità alimentare insieme ai grandi chef stellati italiani incontrati lungo il percorso.

Le tappe sono state: Piazza Duomo (Alba), Joia Chef Pietro Leemann (Milano), La Montecchia Alajmo (Selvazzano, Padova) e Rosa Alpina (San Cassiano in Badia, Bolzano). Oliviero è poi rientrato a Torino, mentre Gianluca arrivato a Mogliano ha cambiato veste per prendere posto come espositore allo stand e far assaggiare i Nebbiolo Rosé della sua cantina Casina Bric. Amicizia, buona alimentazione, passione per lo sport e sensibilità sulle tematiche ambientali i valori che li uniscono. 

Oliviero recentemente ha inoltre concluso un'impresa estrema: 200km di corsa in Groenlandia per raccontare come i cambiamenti climatici incidono sull'ambiente, gli animali e le comunità locali e raccogliere fondi per il progetto 10 mila Orti in Africa. "Complimenti ad Oliviero e Gianluca per le loro incredibili avventure!" ha infine dichiarato Giulia Pandolfi, Fiduciario Slow Food Treviso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Incubo finito, Letizia rintracciata a Piacenza

  • Uccisa a Capo Verde: sui social una raccolta fondi per aiutare i figli

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Lego in mostra a Treviso: migliaia di mattoncini per una città ecosostenibile

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

Torna su
TrevisoToday è in caricamento