Anche a Preganziol arriva il progetto "plastic free"per l'addio all'uso della plastica

L'obiettivo è un divieto graduale e progressivo dell'uso della plastica monouso presso tutte le sedi e scuole comunali, oltre che per le attività ristorative e ricettive del territorio

Christian Badin (responsabile della Lega Italiana difesa Animali e Ambiente) lancia il progetto "plastic free" anche per il comune di Preganziol: "Proporremo alla prossima Amministrazione Comunale ed al Consiglio Comunale di aderire al Progetto Plastic Free lanciato dal Ministro dell'Ambiente Sergio Costa, progetto che punta ad eliminare la plastica usa e getta, grave fonte di inquinamento ambientale da tutte le sedi comunali ed gli uffici e sedi connesse, comprese tutte le scuole pubbliche". 

"Abbiamo deciso di fare questa proposta - continua Badin - considerando anche la quantità di plastica che si vede lungo le strade del nostro comune e per il senso civico e rispetto dell'ambiente che ci contraddistingue. L'obiettivo è un divieto graduale e progressivo dell'uso della plastica monouso presso tutte le sedi e scuole comunali. Il secondo impegno è per un graduale e progressivo divieto dell’uso di materiali plastici non compostabili per le attività ristorative e ricettive del territorio, gli eventi e le manifestazioni connesse al tema del cibo e delle bevande". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La campagna Plastic Free Challenge è stata lanciata mesi fa dal Ministro dell’Ambiente anche sulla scia di una direttiva del Parlamento Europeo (nuove norme Ue per ridurre i rifiuti marini), il cui iter è ancora in corso, che prevede lo stop alla produzione di una serie di oggetti di plastica monouso che più inquinano le spiagge e i mari d'Europa (ad esempio bastoncini cotonati, posate, piatti, cannucce, mescolatori per bevande, che dovranno essere fabbricati esclusivamente con materiali sostenibili - chiosa Badin - allo stesso tempo la direttiva pone anche molti obiettivi, fra i quali la riduzione del consumo, disponendo che gli Stati membri adottino misure per ridurre l'uso di contenitori per alimenti e tazze per bevande in plastica, e considerino di avviare misure di sensibilizzazione verso i consumatori rispetto all'incidenza negativa della dispersione nell'ambiente dei prodotti e degli attrezzi da pesca in plastica, ai sistemi di riutilizzo disponibili e alle migliori prassi di gestione dei rifiuti per questi prodotti". Questa in definitiva la proposta della Lista Preganziol Viva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Nuova ordinanza di Zaia: «Mascherine solo al chiuso o a meno di un metro»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento