Mensa scolastica ecologica e a "chilometro zero": al via il progetto

Dal prossimo anno scolastico le scuole primarie di Resana e Castelminio avranno un nuovo servizio mensa pronto a rispettare l'ambiente e le nuove norme ecologiche senza costi aggiuntivi

La società Euroristorazione Srl di Torri di Quartesolo si è aggiudicata il bando per la gestione del servizio di ristorazione nella scuola del paese. Una novità all'insegna del ridotto impatto ambientale e del “km zero”. 

Due richieste che l’amministrazione comunale di Resana riteneva indispensabili per il nuovo affidamento. A partire dal prossimo mese di settembre il servizio di mensa scolastica presso le Scuole primarie di Resana e Castelminio sarà garantito dalla nuova società vincitrice. «Sarà innanzitutto un servizio a ridotto impatto ambientale – ha dichiarato il sindaco Stefano Bosa - infatti, oltre ad aver chiesto la fornitura di prodotti bio e a km zero al fine di favorire la somministrazione di prodotti stagionali e soprattutto del territorio, abbiamo voluto puntare sull'utilizzo di stoviglie, riutilizzabili, riducendo così sensibilmente la produzione di rifiuti. Quindi non ci saranno più le stoviglie in plastica da buttare nei rifiuti ma ci saranno stoviglie che potranno essere lavate e riutilizzate». Il nuovo servizio non comporterà alcun aumento di costi a carico delle famiglie e quanto prima verranno messe a disposizione degli utenti  le istruzioni relative alla prenotazione dei pasti della mensa scolastica, alle modalità di pagamento e di comunicazione con la società erogatrice del servizio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Tragedia al ritorno dalla discoteca, Alberto Antonello positivo alla cannabis

  • Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

Torna su
TrevisoToday è in caricamento