Roncade: la nuova casetta dell’acqua sarà inaugurata in primavera

Dopo i numerosi disservizi che avevano interessato l'attuale casetta, il Comune di Roncade ha deciso di aprirne una nuova durante la prossima primavera. Le parole del sindaco

RONCADE Smontata ed eliminata la “casetta dell’acqua” di via Vivaldi gestita dalla Cooperativa Alternativa Ambiente, in questi giorni l’Ufficio tecnico di Roncade sta predisponendo l’avviso pubblico per un nuovo servizio che sarà attivo entro la primavera 2018.

La Cooperativa ha chiesto il recesso anticipato dalla convenzione a seguito delle ripetute, vibrate proteste che l’Amministrazione di Roncade e i cittadini avevano esternato a proposito dei continui disservizi, nonché dei tempi biblici necessari alle riparazioni dell’impianto di distribuzione dell’acqua “del sindaco” attivo fino a pochi mesi fa. In accordo con il Comune, la cooperativa ha rimosso la casetta e ha ripristinato il luogo di modo che il servizio possa essere ripreso senza difficoltà da un altro gestore. Cooperativa Ambiente non è riuscita a riparare i guasti con adeguati pezzi di ricambio, essendo fallita la ditta fornitrice. Il ripetersi delle rotture e le lunghe attese per le riparazioni, divenute infine impossibili da effettuare, hanno ridotto non solo la pazienza degli utenti ma, ovviamente, anche i ricavi di fornitura del servizio.

“Dispiace - ammette il sindaco, Pieranna Zottarelli - perché noi avevamo puntato anche sulle finalità sociali del progetto che consentiva di impiegare persone svantaggiate dal punto di vista economico e lavorativo. Ma questo non può esimere l’azienda dal fornire un servizio puntuale ed efficiente.” Con il nuovo avviso pubblico, verrà individuato un nuovo gestore in grado di fornire garanzie per un servizio ottimale. Entro la primavera di quest’anno verrà installata una nuova casetta per l'erogazione di acqua microfiltrata e gasata, con una  struttura in acciaio dal design accattivante e funzionale anche a nuove esigenze, come quella di distribuire acqua per bottigliette da mezzo litro, adatte all’uso immediato di chi è di passaggio a piedi o in bicicletta. Escluse a priori le casette con pubblicità (“a meno che non sia istituzionale” è la precisazione del primo cittadino). Chi fosse ancora in possesso delle vecchie schede non più utilizzabili può farsele rimborsare rivolgendosi al negozio nel quale sono state acquistate.

Potrebbe interessarti

  • Pioggia, vento e grandine: la Marca ancora nella morsa del maltempo

  • SuperEnalotto: sfiorato nella Marca il jackpot più alto della storia

  • Lutto tra le colline del prosecco, addio a Fabio Ceschin

  • La storia di Diana, il cucciolo orfano salvato da una canzone dei Lost

I più letti della settimana

  • Tragico frontale a Borgoricco, morto un prete di 82 anni

  • Schianto sulla Treviso-mare: morto un motociclista, grave la moglie

  • Centauro 21enne si schianta contro un'auto: è grave all'ospedale

  • Si schianta con la moto contro un'auto, muore un 40enne

  • Segrega in casa e picchia la moglie e la figlia di 14 anni: arrestato 50enne padre-padrone

  • Tamponamento a catena in A4: un morto, traffico in autostrada nel caos

Torna su
TrevisoToday è in caricamento