Ozono oltre i limiti da due giorni nella Marca: «Colpa del caldo»

Da due giorni le centraline dell'Arpav in tutta la Regione registrano valori non a norma relativi alla quantità di ozono nell'aria. Un rischio per la salute di molte persone

Da oltre due giorni in Veneto nove centraline Arpav in quattro provincie diverse (Belluno, Verona, Treviso, Padova) hanno registrato il superamento della “soglia di informazione” dell’ozono.

L’ozono, gas formato da tre atomi di ossigeno, in natura si trova in concentrazioni rilevanti negli strati alti dell'atmosfera terrestre, dove protegge dalla radiazione ultravioletta. Negli strati bassi dell'atmosfera, invece, è presente in basse concentrazioni, tranne nelle aree in cui la presenza di alcuni inquinanti chimici, in concomitanza di fattori meteo-climatici favorevoli  come le alte temperature estive, può indurne la formazione con conseguente aumento della concentrazione. L’aumento della sua presenza nell’aria in estate può avere effetti dannosi sull’uomo e l’ambiente. La situazione in Veneto. Il permanere sull’area mediterranea di un promontorio anticiclonico di origine nord-africana ha portato tempo stabile e soleggiato sul Veneto con temperature in progressivo aumento fino a valori ben superiori alla media. Ciò ha favorito l’innalzamento delle concentrazioni di ozono fino al superamento della soglia di informazione di 180 µg/m3 (microgrammi metro cubo) definita dalla normativa come il “livello oltre il quale sussiste un rischio per la salute umana in caso di esposizione di breve durata per alcuni gruppi particolarmente sensibili della popolazione” ad esempio anziani, bambini, donne in gravidanza, persone affette da disturbi respiratori. Mercoledì 26 giugno si sono registrati superamenti della soglia di informazione in 9 centraline di 4 province diverse. Le concentrazioni di ozono hanno superato i 180 µg/m3 a Boscochiesanuova (VR) 208 µg/m3, Pieve d’Alpago (BL) 182 µg/m3, Cinto Euganeo (PD) 201 µg/m3, Conegliano 182 µg/m3, Este (PD) 183 µg/m3, Legnago (VR) 207 µg/m3, San Bonifacio (VR) 186 µg/m3, Verona 184 µg/m3, Treviso (181 µg/m3). In automatico è partita l’informazione ai Comuni interessati.

La previsione

Giovedì 27 giugno il tempo stabile e ben soleggiato con aumento delle temperature che potranno raggiungere valori anche superiori a 37-39° favorirà la formazione di ozono, le cui concentrazioni supereranno di nuovo, diffusamente, la soglia di informazione. È confermato, tra venerdì 28 e sabato 29, l’ingresso di correnti nord-orientali leggermente più fresche che determinerà un contenuto calo dei valori termici, inibendo almeno in parte la formazione di ozono.

Potrebbe interessarti

  • Male incurabile, giovane mamma perde la vita a soli 44 anni

  • Pioggia, vento e grandine: la Marca ancora nella morsa del maltempo

  • Lutto tra le colline del prosecco, addio a Fabio Ceschin

  • Sorgenti del Piave, la commissione di esperti conferma: «Sono in Veneto»

I più letti della settimana

  • Tragico frontale a Borgoricco, morto un prete di 82 anni

  • Preso a bastonate e soffocato con un cuscino: arrestate per omicidio

  • Si schianta contro un'auto con la Vespa, muore 45enne

  • Malore fatale nella notte, muore una 45enne

  • Malore fatale mentre fa jogging, stroncato da un infarto a 71 anni

  • Male incurabile, giovane mamma perde la vita a soli 44 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento