Treviso sottoscrive il "Protocollo Aria": lotta a inquinamento e polveri sottili

Gli assessori all'Ambiente del capoluogo di Marca si sono riuniti martedì a Ca’ Sugana per un importante accordo dedicato alla tutela dell'ambiente e a ridurre i livelli di smog

È stato sottoscritto martedì mattina, 2 luglio, dagli assessori alle Politiche ambientali delle città capoluogo del Veneto il “Protocollo Aria”, documento d’intesa per il coordinamento delle attività di supporto alle azioni previste nel Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell’Atmosfera, finalizzato al contenimento dell’inquinamento da polveri sottili.

Tale accordo, che vede il Comune di Treviso capofila e punto di riferimento tra gli enti firmatari con il compito di organizzare e coordinare le attività previste, contiene le linee guida per coordinare le iniziative per la prevenzione, la riduzione e il contenimento degli inquinanti atmosferici più significativi. Un’operazione ad ampio raggio voluta affinché i meccanismi di formazione e il comportamento delle polveri sottili non vengano confinati all’interno dei territori comunali bensì diffusi in tutta la valle Padana. In concreto, il Protocollo d’Intesa avrà come obbiettivo la gestione coordinata delle Misure di contenimento delle polveri sottili, così da facilitarne la comunicazione ai cittadini e il rispetto da parte di questi, anche attraverso campagne di informazione e sensibilizzazione. Nell’ambito del Protocollo Aria, verrà costituito un coordinamento permanente composto da Amministratori e tecnici individuati dagli Enti, che si riuniranno periodicamente per discutere le materie di volta in volta concordate. Il primo provvedimento condiviso sarà proprio quello delle “misure antismog”, in vigore dal 1° ottobre 2019, che vedrà i comuni capoluogo condividerne il testo.

65765274_2926091140797571_7802042164606664704_o-2

Gli assessori all'Ambiente firmatari dell’accordo sono: Alessandro Manera (Comune di Treviso), Chiara Gallani (Comune di Padova), Simona Siotto (Comune di Vicenza), Ilaria Segala (Comune di Verona), Dina Merlo (Comune di Rovigo) e Stefania Ganz (Comune di Belluno). Ha partecipato all’incontro anche il presidente di Unioncamere Veneto e della Camera di Commercio di Treviso e Belluno Mario Pozza. Unioncamere sostiene attivamente le attività correlate al Protocollo Aria e, nello specifico, ha contribuito anche all'istituzione del concorso di idee per la realizzazione dei loghi di “Protocollo Aria” e dell’iniziativa “Attenti alle porte” (progetto che invita a tenere chiuse le porte di uffici, attività ricreative o commerciali per evitare lo spreco energetico) in virtù dell’interesse nei confronti del tema della riduzione dell’inquinamento e dell’attenzione all'ambiente. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camionista trovato morto nel parcheggio del centro commerciale Arsenale

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: tre giorni di feste e divertimento

  • Si schianta con la Ferrari del papà il figlio di mister Nice

  • Lutto nel mondo del Prosecco: Orfeo Varaschin muore a 50 anni

  • Autotreno pieno di ghiaia si ribalta in strada: traffico in tilt

  • Camper sbanda e distrugge una balaustra del ponte di Vidor: gravi disagi al traffico

Torna su
TrevisoToday è in caricamento