Cacciatori, rifugiati e residenti ripuliscono i sentieri e la scalinata della Rocca di Asolo

Per il sindaco Mauro Migliorini si è trattato di "un bel esempio positivo di cittadinanza attiva, conoscenza e integrazione"

Un momento della giornata ecologica

Un nutrito gruppo di volontari del Gruppo cacciatori Riserva Alpina 10 Asolo, di rifugiati ospitati dallo Sprar (Servizio Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati) di Asolo e diversi cittadini di buona volontà, sabato pomeriggio e domenica mattina hanno eseguito una pulizia straordinaria di alcuni sentieri delle colline asolane e di alcuni siti di interesse turistico/culturale, come la scalinata di accesso alla storica Rocca. Per il sindaco Mauro Migliorini si è trattato di "un bel esempio positivo di cittadinanza attiva, conoscenza e integrazione".

Potrebbe interessarti

  • Vesuvio a rischio eruzione: il Veneto potrebbe ospitare i napoletani sfollati

  • Buona la prima: al Biscione in pista oltre 200 ballerini di tango argentino

  • Emergenza caldo, i sindacati: «Metalmeccanici a rischio, stop al lavoro»

  • L'estate incantata arriva a Treviso: cinema e spettacoli da luglio a settembre

I più letti della settimana

  • Astronave aliena atterra a Ca' Tron: il video fa il giro del web

  • Tragedia sul Piave, si tuffa in acqua e viene trascinato via dalla corrente

  • Travolto da un'auto mentre cammina a bordo strada, muore un 67enne

  • Sparito nelle acque del Piave, ore di angoscia per Nicola Bertoli

  • Grave incidente a Ponzano, cade con lo scooter: soccorso dal Suem 118

  • Semina il panico in città, poi punge con una siringa un carabiniere

Torna su
TrevisoToday è in caricamento