Cacciatori, rifugiati e residenti ripuliscono i sentieri e la scalinata della Rocca di Asolo

Per il sindaco Mauro Migliorini si è trattato di "un bel esempio positivo di cittadinanza attiva, conoscenza e integrazione"

Un momento della giornata ecologica

Un nutrito gruppo di volontari del Gruppo cacciatori Riserva Alpina 10 Asolo, di rifugiati ospitati dallo Sprar (Servizio Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati) di Asolo e diversi cittadini di buona volontà, sabato pomeriggio e domenica mattina hanno eseguito una pulizia straordinaria di alcuni sentieri delle colline asolane e di alcuni siti di interesse turistico/culturale, come la scalinata di accesso alla storica Rocca. Per il sindaco Mauro Migliorini si è trattato di "un bel esempio positivo di cittadinanza attiva, conoscenza e integrazione".

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: direttore dell'Interspar perde la vita a 41 anni

  • Trascinate dalla corrente: due sorelle rischiano di annegare nel Piave

  • Cane abbandonato sotto il ponte di Segusino: trovato il proprietario

  • Infarto fatale, panettiere stroncato a soli 48 anni

I più letti della settimana

  • Morto in mare a Jesolo: indagati due bagnini

  • Schianto fatale tra moto e camion: muore un centauro di 27 anni

  • Malattia incurabile: direttore dell'Interspar perde la vita a 41 anni

  • Autostar vende a prezzo ridotto le auto danneggiate dal maltempo

  • Jesolo: trovato senza vita il ragazzo disperso in mare

  • Gita in pedalò, entra in acqua e non riemerge: disperso un 23enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento