Migrazione di massa per gli anfibi trevigiani: devono riprodursi

Enpa Treviso cerca volontari per salvare gli animali dai pericoli della strada. Venerdì 8 febbraio si terrà una serata informativa a Conegliano per tutti gli interessati al progetto

Una coppia di Bufo Bufo

Quando le temperature s’intiepidiscono i “Rospisti” doc affinano le “armi” e si preparano a scendere in strada. Dalla metà di febbraio, infatti, è previsto l’inizio della migrazione degli anfibi di Marca, sul Montello e ai laghi di Revine.

Si tratta di uno dei più importanti fenomeni migratori d’Italia con una media di 50/60mila esemplari a stagione. L’azione di salvataggio è svolta unicamente da volontari dell'Enpa che, dall’imbrunire in avanti, pattugliano le carreggiate per raccogliere gli anfibi e trasportarli dall’altro lato della strada affinché possano raggiungere indenni gli specchi d’acqua per posare le uova per la riproduzione. Per la zona dei laghi di Revine, che conta quasi 20mila esemplari a stagione, dal lontano 2003 l’Enpa organizza uno specifico incontro rivolto ai volontari, i cosiddetti “Rospisti”, e ai neo-volontari che si aggiungeranno quest’anno per illustrare le tecniche di salvataggio: perlustrazione, identificazione della specie, conteggio, attrezzature indispensabili e le importantissime norme di sicurezza. Il tutto, con l’ausilio di tabelle, foto e filmati e tantissimi aneddoti sulle passate stagioni. L’incontro si terrà a Conegliano nella sala dell’Informagiovani in Piazzale Zoppas (Biscione) venerdì 8 febbraio alle 20.30.

Si tratta del ricorrente appello per la ricerca di volontari, dettato dalla rinnovata sensibilità e al senso di civiltà dei singoli cittadini, a tutti coloro che disposti a fare qualcosa di concreto per la salvaguardia dell’ambiente, affinché ci diano una mano a salvare numerose preziosissime vite. La novità di quest’anno è la costruzione dei primi due tunnel di attraversamento sotto-stradali (Rospodotti) all’interno del progetto complessivo che riguarda il Parco Regionale dei Laghi di Tarzo-Revine, il primo, in località Colmaggiore di Tarzo, e il secondo a Revine. Purtroppo gli anfibi sono una specie a grave rischio d’estinzione ovunque, a causa della distruzione e sottrazione dell’habitat e dell’inquinamento. Pagano il prezzo di essere animali piccoli, schivi e pressoché notturni, per cui la loro esistenza, ai più, è purtroppo quasi totalmente ignota con la conseguenza che si tende a sottovalutare il pregio rappresentato dalla loro presenza nell’ambiente Questi “animaletti”, oltre a essere preziosissimi per l’agricoltura cibandosi d’insetti, sono anche importantissimi bio-indicatori dello stato di salute dell’ambiente. La loro numerosa presenza è il termometro che indica lo stato di salute dell’ ecosistema che li ospita, comunemente definito biodiversità. È in quest’ottica che dovrebbero essere assolutamente salvaguardati ma non sarà così fintanto che questi utilissimi animali continueranno a rimanere uccisi. Sono creature viventi che meritano rispetto anche solamente per il fatto che sono indispensabili al mantenimento del delicatissimo equilibrio naturale.

«Ricordiamo a chi volesse aderire al salvataggio - spiegano i volontari dell'Enpa - che lo stesso si compie lungo la carreggiata su strade molto trafficate e, a tratti, prive d’illuminazione pubblica, in condizioni meteo precarie, con forti piogge e visibilità limitata, si consiglia quindi attrezzatura e abbigliamento adeguato ad alta visibilità. L’orario va da subito dopo il tramonto e si prosegue per 2-3 ore. La durata complessiva è attorno ai due mesi. Invitiamo chiunque volesse condividere con noi questa entusiasmante ed impagabile esperienza di chiamare, o inviare un sms ai responsabili del “Progetto Salvataggio Anfibi” ai seguenti numeri: per la zona di Revine - Adriano Tel. 347.5931683 - mail: treviso@enpa.org. Per la zona del Montello: Alessandra tel. 349.6641147 – mail: sosanfibi@gmail.com».

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: direttore dell'Interspar perde la vita a 41 anni

  • Trascinate dalla corrente: due sorelle rischiano di annegare nel Piave

  • Cane abbandonato sotto il ponte di Segusino: trovato il proprietario

  • Infarto fatale, panettiere stroncato a soli 48 anni

I più letti della settimana

  • Morto in mare a Jesolo: indagati due bagnini

  • Schianto fatale tra moto e camion: muore un centauro di 27 anni

  • Malattia incurabile: direttore dell'Interspar perde la vita a 41 anni

  • Autostar vende a prezzo ridotto le auto danneggiate dal maltempo

  • Jesolo: trovato senza vita il ragazzo disperso in mare

  • Gita in pedalò, entra in acqua e non riemerge: disperso un 23enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento