Viticoltura: dalla Regione nuovi contributi per gli agricoltori

Nelle scorse ore sono stati stanziati 2,4 milioni di euro per la ristrutturazione dei vigneti veneti. I contributi al mondo vinicolo raggiungono così i 18,9 milioni di euro

Foto d'archivio

La giunta regionale del Veneto ha deciso in queste ore di integrare con ulteriori 2,4 milioni di euro la dotazione finanziaria complessiva del bando 2019 per la ristrutturazione e riconversione dei vigneti, in modo di dare risposta a tutte le domande pervenute a primavera. 

«Avepa, l’agenzia per i pagamenti in agricoltura a cui era stata affidata la gestione  tecnica e amministrativa del programma di sostegno al settore vitivinicolo – spiega l’assessore all’agricoltura Giuseppe Pan -  ha ricevuto domande di contributo per un importo complessivo di euro 18,9 milioni di euro. Considerata l’estrema importanza assunta per lo sviluppo delle aziende vitivinicole dalle operazioni di ristrutturazione e riconversione vigneti, in un settore caratterizzato da elevata propensione al mercato, si è ritenuto opportuno integrare la dotazione finanziaria già messa a bando, pari a 16,5 milioni di euro, in modo di poter accogliere tutte le richieste pervenute». Le ulteriori risorse messe a disposizione saranno invece ripartite in questo modo: un milione di euro a valere sulla misura di ristrutturazione e riconversione vigneti; 670.461 euro a valere sulla misura vendemmia verde e 730.329 euro a valere sulla misura investimenti del Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la Ferrari del papà il figlio di mister Nice

  • Camionista trovato morto nel parcheggio del centro commerciale Arsenale

  • Lutto nel mondo del Prosecco: Orfeo Varaschin muore a 50 anni

  • Autotreno pieno di ghiaia si ribalta in strada: traffico in tilt

  • Camper sbanda e distrugge una balaustra del ponte di Vidor: gravi disagi al traffico

  • Schianto auto-moto, ferito un centauro: deve intervenire l'elisoccorso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento