La consegna degli alimenti è sicura dalla diffusione di nuovi coronavirus? Ecco cosa sapere

Il governo ci chiede di stare a casa e ha ordinato la chiusura di ristoranti e bar, ad eccezione della consegna. Ma la consegna del cibo è sicura dalla diffusione del nuovo coronavirus? 

Alla luce del fatto che il nuovo ceppo di coronavirus, viene classificato dall'OMS come una pandemia (il che significa che il virus può diffondersi tra le persone in modo sostenibile), alle persone viene generalmente consigliato di stare lontano dalle altre persone e praticare il distanziamento sociale.

Luoghi comuni, ludici, ristorazione e caffetterie, sono stati serrati, si rendono disponibili, perché consentito, per la consegna a domicilio. Lo stress e l’ipocondria isterica dilagante, fatto emergere nuovi dubbi e domande, su quanto il delivery sia sicuro. È possibile essere infettati attraverso i contenitori e le borse in cui arriva il cibo? E il cibo stesso? L'obiettivo di questo allontanamento sociale, è ridurre le possibilità che una persona infetta venga a contatto con coloro che non lo sono e quindi la diffusione del contagio.

Il COVID-19 può essere trasmesso attraverso il cibo?

Uno dei più noti è il coronavirus SARS, che è stato ampiamente studiato, ci fornisce la traccia sulla risposta (visto che questo nuovo ceppo, COVID-19, non è stato ancora studiato a lungo per poter avere risposte profonde e certe). L'esperienza con questi altri ceppi suggerisce che, le persone non sono infettate dal virus attraverso il cibo.  Il COVID-19, ha bisogno di un ospite (umano) per sopravvivere, quindi non può crescere nel cibo. 

Ad oggi, non ci sono prove che COVID-19 possa essere fatto passare attraverso il cibo, incluso quello crudo. Inoltre, è stato dimostrato che un trattamento termico di almeno 30 minuti a 60° C, è efficace nell'uccidere la SARS, quindi si ritiene che una cottura accurata ucciderebbe anche COVID-19. In generale, vista la scarsa sopravvivenza di questi coronavirus sulle superfici, c'è probabilmente un rischio molto basso di diffusione da prodotti alimentari o imballaggi che vengono spediti per un periodo di giorni o settimane a temperatura ambiente, refrigerata o congelata.

Come sempre, è importante seguire le linee guida per la sicurezza alimentare, che includono lavarsi le mani, gli utensili, le superfici, la frutta e la verdura, evitare la contaminazione incrociata, cuocere gli alimenti alle giuste temperature e refrigerare e congelare correttamente gli alimenti.

E l'imballaggio per alimenti?

Secondo la FDA, attualmente non ci sono prove di alimenti o imballaggi per alimenti associati alla trasmissione di COVID-19. Tuttavia, è possibile che il virus che causa COVID-19 possa sopravvivere su oggetti o superfici. Quanto tempo può sopravvivere su queste superfici è ancora in questione, ma uno studio pubblicato a febbraio sul Journal of Hospital Infection ha analizzato questi altri ceppi di coronavirus e ha concluso che se questo nuovo coronavirus è simile, potrebbe rimanere su superfici come metallo, vetro o plastica per un massimo di nove giorni.  

La buona notizia è che ci sono disinfettanti che dovrebbero essere efficaci contro COVID-19 in base ai dati per i virus più difficili da uccidere. Puoi trovare questo elenco qui . Come sempre, seguire le istruzioni sull'etichetta del prodotto per la pulizia. Se sei preoccupato per l'imballaggio degli alimenti, non c'è nulla di male nel pulire gli articoli appropriati mentre entrano nella tua casa. È importante notare che questi disinfettanti non devono essere usati sul cibo ingeribile e sulla pelle. 

Per la consegna dei pasti, i ristoranti che forniscono il cibo, stanno facendo qualcosa per ridurre il rischio di diffusione?

Sì! I ristoranti sono vigili per assicurarsi che il loro personale non venga a lavorare in condizioni insane e potenzialmente pericolose. L'industria della ristorazione, ha già affrontato focolai infettivi norovirus, epatite A, influenza. Hanno protocolli in atto e hanno trascorso molto tempo a preparare regolamenti e procedure operative. Molti ristoranti stanno raddoppiando le procedure di pulizia, riorganizzando le sale atte all’imballo e a mantenere gli operatori a distanza di sicurezza gli uni dagli altri

Ci sono delle precauzioni che dovrei prendere se ricevo cibo a casa?

È chiaro che porre attenzione nella pulizia che riguarda le superfici in plastica o vetro dei prodotti alimentari e lavare correttamente tutta la frutta e la verdura, è una regola. Molte aziende ristorative, stano adottando ulteriori precauzioni a riguardo, offrendo opzioni di "consegna senza contatto". Questo, può proteggere sia te che la persona che consegna il tuo cibo ed è un buon passo da compiere, se è un’opzione tra cui scegliere.

Mentre cenare sta diventando sempre più un'attività individuale, è importante pensare a coloro che hanno un impatto finanziario: ristoranti che operano con margini di profitto ridotti, per non parlare dei dipendenti, che spesso vivono di mance. La situazione è drammatica per tutti, in particolar modo, se la si analizza anche dall’altra parte.

Quando tutto si calmerà e sarà solo un brutto ricordo, sicuramente potrai decidere di andare al tuo ristorante preferito e aiutare tutti a rialzarsi. Ora però, è più che mai importante concentrarsi sul disegno più grande e sulla comunità tutta, assicurandosi di mantenere le distanze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Scooter fuori strada contro un lampione: morta una 14enne

  • Si schianta con la moto contro un'auto: grave un centauro

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Salvato dall'annegamento, 20enne muore dopo una settimana di agonia

  • Tragedia di Farra, Vittoria ha donato gli organi: fissata la data dei funerali

Torna su
TrevisoToday è in caricamento