Il certificato di cittadinanza: che cos’è

Tutte le informazioni utili sul certificato di cittadinanza. Che cos’è, a che cosa serve, come e dove si richiede

Il certificato di cittadinanza è il documento che attesta la Cittadinanza Italiana del richiedente.

È cittadino italiano per nascita:

  • il figlio di padre o madre cittadini;
  • chi è nato nel territorio della Repubblica se entrambi i genitori sono ignoti o apolidi, ovvero se il figlio non segue la cittadinanza dei genitori secondo la legge dello Stato al quale essi appartengono;
  • il figlio di ignoti trovato nel territorio della Repubblica, se non venga provato il possesso di altra cittadinanza;
  • il minore straniero adottato da cittadino italiano acquista la cittadinanza;
  • il coniuge, straniero o apolide, di cittadino italiano acquista la cittadinanza italiana quando risiede legalmente da almeno 6 mesi nel territorio della Repubblica, ovvero dopo tre anni dalla data del matrimonio, se non vi è stato scioglimento, annullamento o cessazione degli effetti civili e se non sussiste separazione legale.

La cittadinanza si acquista con decreto del Ministro dell'Interno, a istanza dell'interessato, presentata alla Prefettura o alla competente autorità consolare. Il decreto di concessione della cittadinanza non ha effetto se la persona a cui si riferisce non presta, entro sei mesi dalla notifica del decreto medesimo, giuramento di essere fedele alla Repubblica e di osservare la Costituzione e le Leggi dello Stato.

Per chiedere il certificato di cittadinanza occorre presentarsi all’Ufficio anagrafe del Comune. Non è necessaria la presenza dell'intestatario: il certificato può essere richiesto da chiunque, purché in possesso dei seguenti requisiti:

  • un documento di riconoscimento del richiedente in corso di validità;
  • conoscenza certa dell’uso del certificato stesso per le determinazione dell’applicazione dell’imposta di bollo.

Il certificato ha validità sei mesi e, come tutti i certificati anagrafici, viene rilasciato in bollo. L'esenzione dall'imposta di bollo costituisce una eccezione che deve essere prevista dalla legge e motivata.

Alle pubbliche amministrazioni, ai gestori di pubblici servizi e ai privati che vi consentano, in sostituzione del certificato di residenza può essere presentata un’autocertificazione scritta su carta semplice e firmata dall'interessato sotto la propria responsabilità.

Il certificato in bollo costa Euro 15,12, mentre quello in esenzione costa Euro 0,25.

UFFICIO ANAGRAFE DI TREVISO

L'ufficio Anagrafe del Comune di Treviso è aperto dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 12.45, e il mercoledì anche dalle 15.15 alle 17.30. Per certificati, autentiche, carte d'identità e documenti per espatrio minori, lo sportello è aperto anche il sabato mattina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Indirizzo: Palazzo Rinaldi - Piazza Rinaldi, 1
Telefono: 0422 658221 - 658218
Fax: 0422 658209
E-mail: protocollo@comune.treviso.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Travolta sulle strisce pedonali, anziana ricoverata in rianimazione

  • Legato e cosparso di benzina, folle lite in casa: indagano i carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento