Il certificato di cittadinanza: che cos’è

Tutte le informazioni utili sul certificato di cittadinanza. Che cos’è, a che cosa serve, come e dove si richiede

Il certificato di cittadinanza è il documento che attesta la Cittadinanza Italiana del richiedente.

È cittadino italiano per nascita:

  • il figlio di padre o madre cittadini;
  • chi è nato nel territorio della Repubblica se entrambi i genitori sono ignoti o apolidi, ovvero se il figlio non segue la cittadinanza dei genitori secondo la legge dello Stato al quale essi appartengono;
  • il figlio di ignoti trovato nel territorio della Repubblica, se non venga provato il possesso di altra cittadinanza;
  • il minore straniero adottato da cittadino italiano acquista la cittadinanza;
  • il coniuge, straniero o apolide, di cittadino italiano acquista la cittadinanza italiana quando risiede legalmente da almeno 6 mesi nel territorio della Repubblica, ovvero dopo tre anni dalla data del matrimonio, se non vi è stato scioglimento, annullamento o cessazione degli effetti civili e se non sussiste separazione legale.

La cittadinanza si acquista con decreto del Ministro dell'Interno, a istanza dell'interessato, presentata alla Prefettura o alla competente autorità consolare. Il decreto di concessione della cittadinanza non ha effetto se la persona a cui si riferisce non presta, entro sei mesi dalla notifica del decreto medesimo, giuramento di essere fedele alla Repubblica e di osservare la Costituzione e le Leggi dello Stato.

Per chiedere il certificato di cittadinanza occorre presentarsi all’Ufficio anagrafe del Comune. Non è necessaria la presenza dell'intestatario: il certificato può essere richiesto da chiunque, purché in possesso dei seguenti requisiti:

  • un documento di riconoscimento del richiedente in corso di validità;
  • conoscenza certa dell’uso del certificato stesso per le determinazione dell’applicazione dell’imposta di bollo.

Il certificato ha validità sei mesi e, come tutti i certificati anagrafici, viene rilasciato in bollo. L'esenzione dall'imposta di bollo costituisce una eccezione che deve essere prevista dalla legge e motivata.

Alle pubbliche amministrazioni, ai gestori di pubblici servizi e ai privati che vi consentano, in sostituzione del certificato di residenza può essere presentata un’autocertificazione scritta su carta semplice e firmata dall'interessato sotto la propria responsabilità.

Il certificato in bollo costa Euro 15,12, mentre quello in esenzione costa Euro 0,25.

UFFICIO ANAGRAFE DI TREVISO

L'ufficio Anagrafe del Comune di Treviso è aperto dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 12.45, e il mercoledì anche dalle 15.15 alle 17.30. Per certificati, autentiche, carte d'identità e documenti per espatrio minori, lo sportello è aperto anche il sabato mattina.

Indirizzo: Palazzo Rinaldi - Piazza Rinaldi, 1
Telefono: 0422 658221 - 658218
Fax: 0422 658209
E-mail: protocollo@comune.treviso.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento