Certificato morte: tutte le informazioni utili

Il certificato di morte: che cos’è, a che cosa serve e perché e come ottenerlo. Tutte le informazioni utili ai cittadini

La dichiarazione di morte viene resa all'ufficiale dello Stato Civile del Comune di Treviso entro 24 ore dal decesso.

Nei casi di morte in abitazioni private la dichiarazione è fatta da uno dei congiunti, da una persona convivente con il defunto o da persona informata del decesso, per esempio l'impresario delle pompe funebri.

Se il decesso è avvenuto, invece, in ospedale, casa di cura o di riposo, collegio o istituto, è il direttore o il delegato a trasmettere la comunicazione della morte all'ufficiale dello stato civile.

CHE COSA FARE – Ottenere un certificato di morte è necessario presentare i seguenti documenti all’ufficio di Stato Civile:

  • certificato di decesso compilato dal medico curante o dalla guardia medica attestante l’avvenuto decesso e la causa di morte;
  • certificato di accertamento della morte compilato dal medico necroscopo
  • scheda di morte (modello ISTAT D/4) compilata dal medico curante nella parte riguardante le cause del decesso. Le schede di morte vengono fornite dal Comune ai medici curanti e alle strutture ospedaliere.

UFFICIO DI STATO CIVILE DI TREVISO – L’ufficio di Stato Civile del Comune di Treviso è aperto dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 12.45, e il mercoledì anche dalle 15.15 alle 17.30.
Indirizzo: Palazzo Rinaldi - Piazza Rinaldi, 1
Telefono: 0422 658213 - 222 – 223
Fax: 0422 658390
E-mail: statocivile@comune.treviso.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

  • Aneurisma fatale, muore dopo due mesi in ospedale: era appena diventato papà

Torna su
TrevisoToday è in caricamento