Maltempo in tutto il Veneto, situazione stabile per il Piave e il Livenza

Si attende la piena per la serata di domenica, ma al momento non si registrano particolari disagi se non a Pieve di Soligo dove un secolare ippocastano è finito nel fiume

Un grosso tronco secolare nel fiume Soligo

Il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile della Regione Veneto ha emesso un nuovo bollettino di aggiornamento sull’ondata di maltempo che sta interessando pressochè l’intero territorio.

La situazione nella mattinata di oggi: nelle ultime 6 ore precipitazioni in prevalenza diffuse e persistenti, specie sulla fascia alpina e prealpina, con frequenti rovesci e locali fenomeni temporaleschi che hanno dato luogo ad accumuli variabili: da 5 a 20 mm sulla pianura, da 20 a 50 mm sulla fascia prealpina e pedemontana, da 30 a 70 mm sulle zone alpine con i massimi a Gosaldo (BL) e a Col di Prà (BL). I venti in pianura si sono mantenuti in prevalenza moderati da nord-est; sulle dorsali prealpine venti a tratti anche forti da sud-est. La quota neve si è progressivamente rialzata sulle Prealpi e sulle Dolomiti meridionali da 900-1200m a 1800m.

La situazione delle ultime ore: precipitazioni in prevalenza diffuse sulle zone montane e pedemontane, specie orientali, con un massimo di 35 mm a Col Indes (BL) e 26 mm a Gaiarine; precipitazioni discontinue altrove, anche a carattere di rovescio. Quota neve stazionaria. Venti moderati/forti da sudest in quota, più irregolari sulla pianura con una componente da nordest sulle zone interne e da sudest sulla costa. Da segnalare, a Pieve di Soligo, la caduta nel fiume Soligo di un ippocastano secolare che ha fermato la sua corsa contro il ponte cittadino, tanto che sono dovuti immeditamente intervenire i vigili del fuoco di Conegliano per cercare di risolvere quanto prima il problema che poteva causare un "effetto diga".

Si riporta di seguito l’evoluzione dei principali corsi d’acqua interessati. Agno-Guà: i livelli idrometrici lungo l’asta del fiume Agno-Guà sono in incremento su tutte le sezioni monitorate. Attualmente sono oltre la prima soglia le sezioni di: Recoaro, Ponte Brogliano, Ponte Arzignano, Ponte Asse, Lonigo. Sul Fratta-Gorzone il livello idrometrico permane sopra alla prima soglia di guardia alla sezione di Valli Mocenighe. Bacchiglione: attualmente si riscontra un incremento dei livelli idrometrici lungo l’asta del Bacchiglione, le sezioni di Ponte Marchese e Longare attualmente sono al di sopra del primo livello di guardia. Sul sistema Astico-Tesina nella sezione di Lugo di Vicenza i livelli sono sopra la seconda soglia di guardia in crescita. Brenta: a Bassano il livello idrometrico è al di sopra della seconda soglia di allerta e in crescita, mentre a Limena è in diminuzione seppure ancora sopra la prima soglia. Piave: alla sezione di Busche attualmente sta transitando una portata di circa 1100 m³/s. Livenza: alla sezione di San Cassiano i livelli sono sopra la prima soglia e risultano in netto incremento; si segnalano livelli idrometrici in incremento nella sezione del Meduna a Pordenone. Lemene: si segnalano livelli molto sostenuti e in aumento a Portogruaro. Sul Tagliamento presso la sezione di Latisana il livello idrometrico, sopra alla prima soglia di guardia, è in ripresa di crescita. Si segnalano allagamenti nella rete idrografica secondaria nella zona di Portogruaro e nella pianura tra Livenza e Tagliamento.

Il bollettino neve, da oggi alle ore 14 a martedì 19 alle ore 24 indica: domenica perturbato con fenomeni in attenuazione da Ovest, neve a 1500/2000 m, solo localmente inferiore. Lunedì peggiora al pomeriggio/sera, neve a 1000/1300 m. Martedì perturbato tutto il giorno con nevicate diffuse da 1000/1300 m a 1300/1600 m, anche abbondanti.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Acqua micellare: le verità nascoste

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Uccisa a Capo Verde: sui social una raccolta fondi per aiutare i figli

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento