Pesticidi, Zanoni attacca Zaia: "Pensi alla salute dei cittadini, non solo al Prosecco"

Il consigliere regionale del PD ha presentato nelle scorse ore un'interrogazione a risposta immediata rivolta al presidente Zaia sul discusso abuso di pesticidi nella Marca

TREVISO “Nessuno sembra essere al riparo dai pesticidi. L’episodio accaduto a Colle Umberto dovrebbe far riflettere: una mamma che porta via il figlio dall’allenamento perché accanto al campo sportivo era in corso l’irroramento di un vigneto. Nonostante le promesse di Zaia stiamo assistendo a una vera e propria deriva, con l’impiego di queste sostanze tossiche anche a ridosso delle abitazioni. Quando si deciderà la Regione a fare una vera azione preventiva?”.

A chiederlo è Andrea Zanoni, consigliere del Partito Democratico che ha presentato un’interrogazione a risposta immediata prendendo spunto dalla ‘protesta’ di una mamma che, anche con altri genitori,  ha deciso di non far allenare il figlio dopo che già in mattinata era stata costretta a ‘barricarsi’ in casa, a Cappella Maggiore, proprio a causa del trattamento di alcuni vigneti coi cosiddetti fitofarmaci. “Non si tratta di episodi isolati, ma sempre più frequenti e i residenti sono esasperati. Non è un caso che domenica prossima (13 maggio) si terranno ben due manifestazioni ‘Marcia Stop Pesticidi’, una in provincia di Treviso a Cison di Valmarino a cui parteciperò e a cui hanno aderito oltre 100 associazioni, l’altra a San Pietro in Cariano nel Veronese. È un problema molto sentito, a cui è doveroso dare risposte. Zaia farebbe bene a parteciparvi: dovrebbe essere il presidente di tutti, cosa che troppo spesso dimentica.” “Il mondo della viticoltura con un occhio di riguardo al Prosecco, è generosamente finanziato: 55,9 milioni di euro tra il 2007 e il 2015 e 17,2 milioni di euro dal 2016 ad oggi attraverso il Piano di sviluppo rurale (Psr), 24,9 milioni con il Programma nazionale di sostegno del vino (Pns) dal 2009 al 2017 più altri 5,1 con i bandi di sviluppo locale. Sono ben 103 milioni di euro. A fronte di tanta generosità, pretendere il rispetto della salute dei residenti, evitando violazioni di legge ed abusi, è il minimo sindacale. La speranza - conclude Zanoni -  è che presto questi fondi, provenienti dalle tasse dei cittadini, possano essere vincolati, destinati esclusivamente alla viticoltura biologica libera da sostanze chimiche di sintesi dannose alla salute dei cittadini, all'ecosistema e all'acqua”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Scuole sicure, passati al setaccio gli istituti superiori trevigiani

  • Cronaca

    Compiano assolto dalla bancarotta: la Procura presenta ricorso

  • Economia

    Il Canova raggiunge i 3,3 milioni di passeggeri: per Save è il limite massimo

  • Attualità

    Treviso marathon, definito il percorso della 16ª edizione

I più letti della settimana

  • Scende dall'auto per salvare un gufo a bordo strada: morta investita una 26enne

  • Mette un post su Facebook per cercare dipendenti: in sette subito assunti

  • Male incurabile, ragazzo perde la vita a soli 28 anni

  • «Imprenditore non trova operai? Applichi contratto giusto»

  • Tremendo schianto camion-auto sulla Noalese, un morto

  • Carne scaduta nelle cucine delle mense scolastiche: sequestrati 60 chili di alimenti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento