Banche popolari: Puppato chiede a Intesa Sanpaolo di tutelare i risparmiatori truffati

La politica trevigiana è tornata a esprimersi nelle scorse ore sulla vicenda delle ex banche popolari, chiedendo ai vertici di Intesa Sanpaolo di tutelare i risparmiatori truffati

TREVISO Laura Puppato, candidata nel collegio uninominale di Montebelluna, Castelfranco Veneto, Belluno e nel collegio plurinominale di Venezia, Belluno, Treviso e Rovigo, si muove di nuovo a salvaguardia dei risparmiatori di Veneto Banca e Popolare di Vicenza, confluite in Intesa Sanpaolo e proprio alla banca di Torino, oltre al Ministro Padoan si rivolge per chiedere che: “Venga salvaguardato chi aveva fidi con tassi preferenziali, nati per operazioni baciate a cui era stato costretto da vere e proprie truffe da parte delle ex-popolari, che in questi giorni stanno ricevendo ordini di rientro a tassi fino al 20%. Tassi esosi da sostenere col rischio reale di finire nella black list dei cattivi pagatori, il che produrrebbe una ulteriore contrazione del credito nel nostro territorio, vanificando in parte la crescita economica”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Banca Intesa non ha certo l’obbligo di far proprie colpe che non le appartengono, ovviamente, ma è importante che si ponga, come in parte già fatto con il fondo di 100 milioni, con atteggiamento costruttivo nei confronti del territorio veneto, perché proprio grazie alla dinamicità della nostra economia potrà trovare risposte e capacità di investimento e una notevole crescita del proprio gestito  - dice ancora Puppato - serve un po’ di tempo e molta lungimiranza. Per questo ho contattato direttamente i vertici di Banca Intesa con cui ho interloquito anche nel recente passato trovando ascolto e disponibilità, spero che anche stavolta sappiano comprendere e risolvere a favore di chi è già stato messo in grave difficoltà dal comportamento illecito delle amministrazioni precedenti delle due banche venete.” Oltre al contatto diretto con i vertici di Intesa, la senatrice di Montebelluna ha depositato un’interrogazione scritta al Ministro Padoan, in cui si chiede: "se non ritenga necessario valutare, in sede di definizione della procedura di Liquidazione Coatta Amministrativa, l’istituzione di idonee istruzioni per tutelare il risparmiatore, prevenendo defatiganti contenziosi giacché- ai sensi delle vigenti normative - prospettano la possibilità, per le operazioni fin qui descritte, di illegittimità sia giuridica sia costituzionale ai sensi dell’art. 47 e più in generale degli artt. 2 e 3 della Costituzione; se non ritenga di dover intervenire attraverso Banca d'Italia per chiedere una immediata revisione dei tassi, così onerosi da apparire simil-usura, da parte di Banca Intesa; pur apparendo come scoperture di conto  corrente oltretutto, sappiamo che non è così, ma si tratta della prosecuzione di situazioni di irregolarità e rischio messe in campo dalle ex popolari; se non intenda procedere dando priorità assoluta a queste casistiche di investitori nella graduatoria dei rimborsi in corso di definizione a seguito dell'erogazione del fondo straordinario istruito dallo Stato con la legge di Bilancio appena emanata, in modo che l'azione congiunta Stato-Banca Intesa ponga al riparo i soggetti interessati dal danno irreparabile di essere escussi, con il rischio spesso della propria abitazione, e marchiati come cattivi pagatori, solo a causa dei tempi lunghi delle procedure di riconoscimento del ristoro. I risparmiatori sarebbero drammaticamente beffati due volte.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Misteriosa scia luminosa solca i cieli tra le province di Treviso e Venezia

  • Famiglia Zoppas in lutto: morto a soli 55 anni il noto manager Marco Colognese

  • Sparisce di casa andando a fare la spesa: ritrovato nella notte

  • Finisce in acqua mentre gioca in giardino, bimba di due anni muore annegata

  • Coronavirus, oltre 10mila contagi in Veneto: cinque morti nella Marca

  • Male incurabile, addio a Lorenza Pampagnin: anima del commercio locale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento