Contributi regionali per assistere i religiosi anziani: ecco la protesta di Veneto Radicale

Radicali: "Regione Veneto, ancora soldi pubblici alle strutture religiose. Tutti gli anziani non autosufficienti siano eguali di fronte alla legge, anche quella regionale"

Nella giornata di lunedì è stata pubblicata nel Bollettino della Regione Veneto una deliberazione della Giunta che prevede contributi per un milione di euro alle 'Comunità religiose che assistono direttamente i propri religiosi anziani non autosufficienti'. Una decisione che ha scatenato però le ire di Veneto Radicale: "Con questo provvedimento si stanziano ancora una volta soldi pubblici esclusivamente dedicati all'assistenza di religiosi anziani ospitati in comunità religiose, configurando una discriminazione sulla base delle scelte personali e della matrice religiosa di una determinata comunità. Per queste strutture non è richiesto il possesso dei requisiti strutturali e organizzativi previsti per le case di riposo, esse sono invece caratterizzate da una 'organizzazione di tipo familiare'. La Legge Regionale n. 55 del 1982 all'art. 3 (come integrato dall'art. 71, della L.R. n. 7 del 1997) prevede che 'alle persone non autosufficienti con domicilio presso comunità religiose è riconosciuto il concorso regionale alle spese per le prestazioni assistenziali', tramite le Aziende ULSS che provvedono a rimborsare le spese sostenute".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il suddetto contributo va a sommarsi però ad altri benefici ottenuti dalle numerose strutture religiose presenti sul territorio italiano - dichiarano Carmen Sorrentino, già Segretaria di Veneto Radicale e Valerio Federico, della Direzione Nazionale di Radicali Italiani - come reso più volte noto grazie alle iniziative dei Radicali. Chiediamo quindi che le strutture religiose prevedano identici requisiti delle case di riposo per usufruire degli stessi contributi o che vengano equiparate a qualunque nucleo familiare ricevendo gli stessi contributi. Tutti i cittadini anziani non autosufficienti veneti devono avere pari dignità sociale ed essere eguali davanti alla legge senza 'distinzione di religione' come afferma l'articolo 3 della Costituzione della Repubblica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Covid 19, studio choc di un epidemiologo trevigiano:«Il vaccino? Forse è una chimera»

  • Travolta sulle strisce pedonali, anziana ricoverata in rianimazione

  • Legato e cosparso di benzina, folle lite in casa: indagano i carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento