Coronavirus, Da Re (Lega): «Si indica referendum e si esca dall’Europa»

L’eurodeputato trevigiano: «Dopo le inqualificabili parole pronunciate da Ursula Von der Leyen è chiaro che questa Europa ci va stretta»

Immagine di archivio

«Non c'è un piano per i coronabond. Allora parlo da euroscettico a scettico: dopo le inqualificabili parole pronunciate da Ursula Von der Leyen è chiaro che questa Europa ci va stretta. Mentre Italia, Spagna e Francia sono messe in ginocchio e cercano di affrontare, con meno decessi e danni possibili, l'emergenza sanitarie ed economica causata dal Coronavirus, la presidente della Commissione europea si schiera con Germania e Paesi dell’Europa del Nord, ovviamente guidati dai tedeschi (come la stessa Ursula). Inaccettabile». A dirlo è l’eurodeputato della Lega Gianantonio Da Re.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Due considerazioni: per prima cosa noi della Lega la Von de Leyen non l’abbiamo votata, al contrario, la sua nomina è avvenuta per soli 9 voti di differenza e fa sorridere che oggi Conte e di Maio recitino la parte di non accettare le parole della presidente quando furono proprio loro, insieme ai piddini, a sostenerla, vantandosene per giunta. Era già scritto che Ursula non avrebbe mai fatto gli interessi del nostro Paese e ogni giorno ne abbiamo la prova - continua Da Re - Matteo Salvini ha sempre contestato questa Europa ed ha sempre avuto ragione, gli altri solo adesso si sono svegliati…troppo tardi. Inoltre, che siano i Paesi del Nord, che possiedono un Pil inferiore a quello di tutto il Veneto o della Lombardia, a dettare legge è davvero paradossale. Credo che la misura sia colma e che sia seriamente arrivato il momento che l’Italia con un atto di coraggio faccia come Boris Johnson, che abbiamo applaudito, e traghetti il Pese fuori da questa Europa. Si indica un referendum e si esca dall’Europa perché così com’è non serve a nessuno: alle imprese, alle famiglie, al Pil dell’Italia. I tedeschi hanno perso tutte le guerre mondiali e perderanno anche adesso; mentre le altre Nazioni, Italia in testa, sottoscrivano un trattato commerciale se non vogliamo rischiare di fare la fine delle Grecia». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Vasto incendio all'azienda agricola Vaka Mora: a fuoco 500 balle di fieno

Torna su
TrevisoToday è in caricamento