«Veneto cambi marcia, in difesa dei bambini e del futuro basta monoculture e pesticidi»

Ad affermarlo sono le deputate del Gruppo Misto, Sara Cunial e Silvia Benedetti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

«In Veneto c’è chi può farsi beffa della legge e agire tranquillamente e impunemente contro la salute pubblica, magari tutelato da una Regione che continua ad anteporre il guadagno di pochi al Bene Comune e all’interesse collettivo- Ad affermarlo sono le deputate del Gruppo Misto, Sara Cunial e Silvia Benedetti- Ci riferiamo alla Tenuta Agricola San Martino che da mesi continua a violare i provvedimenti e a proseguire i lavori del vigneto di fianco alla Scuola dell’Infanzia di San Giacomo. Tutto ciò è inammissibile e inspiegabile visto che vi sono precise oridinanze emesse dal Comune e che, in attesa che il giudice del Tar si pronunci sulla questione, queste rimangono valide e operative Stiamo parlando di salute pubblica, stiamo parlando di bambini, non dovrebbero neanche servire le leggi, dovrebbe bastare il buon senso. Perciò invitiamo tutti i genitori e i comitati locali a resistere, a continuare questa battaglia che è di civiltà e che riguarda i loro figli e il futuro di tutti noi, ma soprattutto – concludono le parlamentari – invitiamo gli amministratori locali a farsi forza delle autorità competenti, polizia e carabinieri, per difendere i loro cittadini. E infine lanciamo un appello a Zaia: è giunta l'ora di riprogrammare con coraggio ed insieme alla popolazione il futuro agricolo della nostra Regione che non può più essere di monocultura e pesticidi. È giunto il momento di schierarsi definitivamente dalla parte della legge e della salute pubblica, a prescindere dalle bandiere e dal periodo pre o post elettorale».

Torna su
TrevisoToday è in caricamento