«Sindaci come Orlando preferiscono i clandestini, illegalità e insicurezza»

La polemica sul decreto sicurezza. L'attacco della deputata della Lega e sindaco di Meduna di Livenza, Marica Fantuz

«La decisione del sindaco Orlando e di altri suoi colleghi, curiosamente del Pd, di rifiutare e quindi non applicare il Decreto sicurezza è pura follia. Con questa opposizione, dettata dal fatto che questi primi cittadini hanno idee politiche diverse e per risentimento nei confronti del Ministro degli Interni Matteo Salvini, danneggiano le persone perbene che dovrebbero rappresentare, scelgono e preferiscono i clandestini, l’illegalità e l’insicurezza a svantaggio dei cittadini. Il decreto Salvini permette, invece, a noi amministratori di intervenire in maniera efficace contro degrado e criminalità a difesa delle nostre città: aumento di agenti, dotazione di maggiori strumenti alle forze dell’ordine, videosorveglianza, tutela e decoro urbano. Per cui, cari colleghi sindaci, se non volete applicare la legge per il bene dei vostri territori, ne risponderete in prima persona davanti ad essa e soprattutto davanti ai vostri (loro malgrado) cittadini». Lo dichiara la deputata e sindaco di Meduna di Livenza, provincia di Treviso, Marica Fantuz.

Potrebbe interessarti

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Vesuvio a rischio eruzione: il Veneto potrebbe ospitare i napoletani sfollati

  • Buona la prima: al Biscione in pista oltre 200 ballerini di tango argentino

  • L'estate incantata arriva a Treviso: cinema e spettacoli da luglio a settembre

I più letti della settimana

  • Astronave aliena atterra a Ca' Tron: il video fa il giro del web

  • Tragedia sul Piave, si tuffa in acqua e viene trascinato via dalla corrente

  • Travolto da un'auto mentre cammina a bordo strada, muore un 67enne

  • Semina il panico in città, poi punge con una siringa un carabiniere

  • Grave incidente a Ponzano, cade con lo scooter: soccorso dal Suem 118

  • Sparito nelle acque del Piave, ore di angoscia per Nicola Bertoli

Torna su
TrevisoToday è in caricamento