Degrado e discarica a cielo aperto in via Pisa, Acampora: "Ora intervenga la Tazzer"

Il consigliere comunale di Fratelli d'Italia chiede l'intervento del nuovo assessore al decoro: "Adesso faccia ciò che gli altri non hanno mai fatto per il quartiere"

Il degrado in via Pisa

TREVISO La situazione riguardante la discarica a cielo aperto di via Pisa a Treviso, proprio a ridosso del noto grattacielo, risulta ancora allarmante dopo mesi di discussioni. "La cosa più preoccupante è che sono oramai tre anni che viene segnalato l'abbandono selvaggio di immondizia e le Istituzioni e Contarina non sono ancora state in grado di porvi rimedio. Anche lunedì mattina ho ricevuto segnalazioni sul mio profilo Facebook e numerose telefonate" ha dichiarato Davide Acampora, consigliere comunale d'opposizione per Fratelli d'Italia.

"Sono state fatte interrogazioni comunali, segnalazioni in consiglio comunale, video-testimonianze e mozioni consiliari ma non è stato risolto nulla. Ciò che è stato fatto da parte del Comune è constatare che le responsabilità di quello schifo sia imputabile soltanto dell'amministratore del condominio, al quale vengono puntualmente recapitate le spese per la pulizia dell'area che Contarina continua ad effettuare - continua Acampora - Oramai sono arrivati a decine di migliaia di euro, ma come pretendiamo che queste spese vengano pagate se il bilancio del condominio è risaputo da tutti non è in grado nemmeno di sopperire alle spese per l'utilizzo dell'ascensore?".

"È inutile scaricare la colpa soltanto sull’amministratore quando invece la situazione è frutto di responsabilità ascrivibili a più soggetti, quali il Comune, Contarina, i singoli proprietari degli immobili che affittano senza contratto, alle Cooperative che concedono alloggio ai richiedenti asilo senza insegnare loro come si fa la raccolta differenziata - chiosa il consigliere - Devono essere le Istituzioni ad intervenire per mettere fine a questo circolo vizioso di abbandoni di rifiuti da parte di residenti e non. Serve un controllo puntuale attraverso la vigilanza degli eco vigili con l'utilizzo di telecamere, appostamenti, e qualsiasi altro mezzo atto ad interrompere questa catena. Serve un controllo porta a porta per verificare chi ha stipulato effettivamente un contratto con Contarina!".

"Mi appello al nuovo Assessore al decoro urbano signora Tazzer - chiude l'esponenti di Fratelli d'Italia - entrata in carica da pochi giorni: mi affido a lei per chiederle di porre rimedio a quanto i suoi colleghi di Giunta non hanno fatto sino ad ora. Potrebbe essere il primo segnale d’inversione di rotta tanto annunciato e auspicato dal sindaco Manildo. Potrebbe essere il 'Turbo' del quale egli ha tanto parlato dopo aver annunciato l'istituzione del nuovo assessorato! Invito l'assessore Tazzer ad un sopralluogo in via Ragusa e via Pisa, insieme a me ed insieme ai residenti.  La riqualificazione urbana parte anche dal rispetto per le regole e dell'ambiente". 

Potrebbe interessarti

  • Tumore incurabile, il sorriso di Tiziana si spegne a soli 44 anni

  • Trascinate dalla corrente: due sorelle rischiano di annegare nel Piave

  • Cena di sushi, 12 intossicati: isolati due focolai di gastroenterite

  • Cane abbandonato sotto il ponte di Segusino: trovato il proprietario

I più letti della settimana

  • Morto in mare a Jesolo: indagati due bagnini

  • Autostar vende a prezzo ridotto le auto danneggiate dal maltempo

  • Tumore incurabile, il sorriso di Tiziana si spegne a soli 44 anni

  • Infarto in casa, 50enne ricoverato in fin di vita

  • Cena di sushi, 12 intossicati: isolati due focolai di gastroenterite

  • Ritrovata l'anziana sparita da casa in bicicletta: era svenuta in una vigna

Torna su
TrevisoToday è in caricamento