Progetto nuova viabilità a Ponzano Veneto: le dichiarazioni del segretario Zanette

Franco Zanette, segretario del Partito Democratico a Ponzano Veneto è intervenuto sulla questione della viabilità nel suo Comune

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

PONZANO VENETO "Ritengo che l'amministrazione comunale abbia fatto bene a coinvolgere la cittadinanza su un progetto strategico che avrà un impatto duraturo sul futuro del nostro Comune" con queste parole Franco Zanette ha commentato il discusso progetto per la nuova viabilità di Ponzano Veneto.

"Non mi risulta che la scorsa Giunta abbia fatto lo stesso con degli accordi legittimi pubblico - privato che hanno avuto un riflesso importante sulla collettività come l'accordo con i cavatori e la riqualificazione degli impianti sportivi, piscine e campi da tennis. Il risultato ad oggi per i cittadini di Ponzano sono due 'buchi', uno enorme delle dimensioni del duomo di Milano, sotto acqua, nella cava Morganella, ed uno non meno grande in pieno centro con un'area degli impianti sportivi completamente abbandonata che potrebbe essere luogo di aggregazione oltre che sportiva anche sociale. Detto questo, sono fissati vari incontri con la popolazione, non ancora conclusi, per cui, valutando in prima battuta positivamente l'operazione, attenderei di avere tutti gli elementi di discussione che verranno forniti dall'Amministrazione e dai tecnici, per dare una risposta completa e motivata al progetto senza essere pregiudizialmente ostile. Quando mi trasferii a Ponzano quasi 15 anni fa scoprii che era la città delle Ville. Il nostro territorio trevigiano è disseminato da Ville Venete di notevole pregio storico artistico ed ambientale, se consideriamo anche i parchi annessi. Fui sorpreso positivamente nel vedere che le due sedi comunali Villa Cicogna e Villa Serena con annesse Barchesse fossero valorizzate per essere di patrimonio comune. La tutela del nostro Comune, oltre che a livello sociale sul quale tanto si è fatto, passa anche attraverso la salvaguardia del territorio e delle bellezze naturali e artistiche quale appunto Villa Minelli, che pur essendo di proprietà privata è un bene di tutti".

Torna su
TrevisoToday è in caricamento