Lega attacca: "Manildo ha fallito, faccia sgomberare l'ex Telecom"

Federico Caner, capogruppo leghista del Veneto attacca il sindaco e auspica un veloce sgombero dello stabile occupato dal collettivo Ztl

“Sono passate poche settimane dai trionfali impegni elettorali di Manildo, che a maggio proclamava la necessità di uno spazio per i giovani pur di accaparrarsi i voti di Ztl. E adesso è proprio il collettivo a sbugiardarlo e a metterlo sotto ricatto, occupando illegalmente l’ex Telecom e sventolando quanto era stato loro promesso. A Manildo non resta che una cosa da fare: ripristinare la legalità con la forza, chiudendo definitivamente le porte a chi non dialoga ma cerca azioni di forza per ottenere ciò che vuole”. Lo afferma il capogruppo leghista in regione Veneto Federico Caner all’indomani dell’occupazione dell’ex Telecom in via Dandolo a Treviso ad opera del Collettivo Ztl e si scatena contro il neo sindaco.

FORZA NUOVA PARTECIPERA' ALL'ASSEMBLEA

“Gentilini aveva ragione: nessun dialogo con chi percorre l’illegalità per portare avanti le proprie richieste. Manildo ha fallito, e per due motivi: perché in campagna elettorale ha promesso cose che non ha mantenuto e perché si trova sotto ricatto da parte di questi soggetti che gli chiedono di rispettare gli impegni. Spero si renda conto di essere sotto scacco, e di avere un’unica possibilità: sgomberare subito e con la forza l’ex Telecom, comportandosi esattamente come Gentilini a gennaio. Non si preoccupi: ormai le elezioni sono passate e i voti dei centri sociali li ha già avuti. Può tranquillamente procedere allo sgombero prima di far ulteriormente peggiorare l’illegalità alle porte del centro. E la sua Amministrazione (inclusa quella Tocchetto che lanciava carciofi a Gentilini) prenda le distanze dai Collettivi, dialogando solo con chi rispetta le regole e la legge”.

LE DICHIARAZIONI DEI RAGAZZI: "NON CE NE ANDIAMO"

Un durissimo commento, quello lanciato dalla Lega Nord nei confronti della nuova giunta trevigiana, che domani incontrerà Prefetto e Questore per decidere il da farsi. Il sindaco di Treviso aveva convocato una conferenza stampa dell’ultimo momento lunedì, durante la quale ribadiva di voler evitare le soluzioni drastiche, ma piuttosto di cercarne di pacifiche: “Sono amareggiato e stupito perché il collettivo ha rotto il dialogo con l’amministrazione, ma stiamo lavorando per trovare loro una sistemazione, anche altre associazioni ci presentano simili richieste. I ragazzi devono capire che ci vuole del tempo”, dichiarava Manildo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa da tre giorni: Giorgia ritrovata a Napoli nella notte

  • Da oltre 24 ore non si hanno più notizie di Giorgia: mobilitati i social per ritrovarla

  • Tumore incurabile, il sorriso di Roberta si spegne a soli 54 anni

  • Tragico schianto fuori strada, muore automobilista

  • Abusi sessuali in seminario: «Io, violentato da due preti che ancora esercitano in Veneto»

  • Pancia gonfia? Ecco alcuni alimenti che la causano e opzioni sostitutive

Torna su
TrevisoToday è in caricamento