Fusione Cassamarca, D'Incà attacca l'amministrazione De Poli

“La fusione di Cassamarca e di Cariverona può essere fatta soltanto dopo l'allontanamento di qualsiasi persona che ancora oggi faccia parte dell'amministrazione di Cassamarca e che abbia gestito l'istituto negli ultimi trent'anni, in correlazione con Dino De Poli”

TREVISO “L'istituzione di Cassamarca è da molti anni sotto la lente del Movimento 5 Stelle – spiega D'Incà –Abbiamo portato davanti alla Commissione finanze la problematica di questo importantissimo ente per il territorio. Oggi siamo di fronte a una situazione disastrosa dal punto di vista economico e di quasi fallimento di questo ente. Di fatto è stato dilaniato e divorato 1 miliardo di patrimonio e oggi non si riesce a capire quale valore abbiano gli immobili in esso contenuto.  A dirlo è Federico D'Incà parlamentare del Movimento 5 Stelle e candidato alle prossime elezioni che interviene sulla fusione Cassamarca-Cariverona.

“I cittadini dovrebbero ricordarsi come e in quale silenzio, Cassamarca è stata gestita negli ultimi trent'anni – prosegue il deputato del Movimento 5 Stelle – dovrebbero ribellarsi a ogni forma di speculazione del territorio che insieme alle banche popolari venete, ha dimostrato l'incapacità della classe dirigente veneta di gestire i propri capitali e i beni della nostra comunità. Per questo motivo un governo del M5S porterà avanti ogni iniziativa di competenza e carattere normativo, al fine di rafforzare il sistema di controlli disciplinato dal protocollo di intesa Ministero dell'economia e delle finanze-Acri sottoscritto in data 22 aprile 2015, in particolar modo prevedendo il riconoscimento al Ministero dell'economia e delle finanze della facoltà di esercitare un'azione di responsabilità nei confronti degli organi di amministrazione e controllo delle fondazioni «cosiddette bancarie»”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Personalmente anche nella prossima legislatura – conclude D'Incà – mi impegno, come parlamentare veneto del Movimento 5 Stelle, a portare avanti un lavoro per avere chiarezza sulla gestione delle Fondazioni bancarie in Veneto. Fondazioni nate per dare sostegno ai cittadini e fare opere di lungo periodo in modo tale che il proprio patrimonio rimanga stabile e che possa in qualche maniera portare sollievo al territorio veneto. Queste cose non sono state fatte e oggi soffriamo l'incredibile dispersione di risorse economiche e di possibili volani, come appunto erano state previste le fondazioni bancarie per il territorio veneto. Abbiamo bisogno di portare nelle fondazioni persone capaci e competenti con comprovate esperienze internazionali nel settore delle fondazioni bancarie e del tutto slegate e distante dalla gestione pseudo politica e familiaristica, come ha avuto Cassamarca negli ultimi trent'anni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Salvato dall'annegamento, 20enne muore dopo una settimana di agonia

  • Tragedia di Farra, Vittoria ha donato gli organi: fissata la data dei funerali

  • Grave lutto per tutto il rugby veneto: a soli 55 anni si è spento Aldo Aceto

Torna su
TrevisoToday è in caricamento