Lega, lo Sceriffo Gentilini sbatte la porta in faccia al Senatur

Umberto Bossi non sembra essere il benvenuto a Treviso. Almeno per il prosindaco Giancarlo Gentilini che dichiara: "Alle feste della Lega è tempo che non partecipi più"

Giancarlo Gentilini mette Umberto Bossi alla porta. "Alle feste della Lega è tempo che non partecipi più", dichiara lo Sceriffo a Il Gazzettino.

"Può venire come presidente - precisa il prosindaco di Treviso - ma non prendere la parola". "Il tempo di Bossi è finito - decreta Gentilini - comincia invece il tempo di Maroni".

"E poi Bossi e Berlusconi devono fare un atto di pentimento - aggiunge - perché è stato distrutto quel loro grande governo in cui tanti cittadini avevano creduto".

E se Bossi si presentasse alla Festa della Lega nella sua Treviso, fissata per il 6 settembre? "Andrei a vedere - commenta Gentilini - Ma se dovesse prendere la parola credo che uscirei dallo stand. La Lega - conclude - è stata massacrata da quel maledetto cerchio magico che si è instaurato attorno a Bossi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Incubo finito, Letizia rintracciata a Piacenza

  • Uccisa a Capo Verde: sui social una raccolta fondi per aiutare i figli

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Lego in mostra a Treviso: migliaia di mattoncini per una città ecosostenibile

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

Torna su
TrevisoToday è in caricamento