Grigoletto: “Lega ha negato spazi utili alla crescita della comunità”

Il vicesindaco di Treviso dichiara la disponibilità immediata dell'amministrazione comunale a concedere gli spazi comunali inutilizzati ad associazioni, gruppi e forze politiche, nonchè a modificare l'attuale regolamento

"In questi vent'anni la Lega ha negato gli spazi utili alla crescita della nostra comunità, al confronto tra i cittadini e al fiorire di nuove idee.” Sono le parole del vicesindaco di Treviso Roberto Grigoletto, in relazione alle recenti richieste, da parte di gruppi e associazioni, di fornire loro gli spazi pubblici inutilizzati.

 “Pensiamo di modificare quanto prima il regolamento per la concessione delle sale comunali per  garantire a tutti i cittadini, alle associazioni, ai gruppi giovanili e anche alle forze politiche la possibilità di accedere, attraverso regolare procedura, agli spazi di cui il Comune dispone in città e inibiti negli ultimi vent'anni dalle Amministrazioni leghiste", continua Grigoletto.

Attualmente i luoghi liberi sono un’ottantina e, in questi giorni,  anche il collettivo Ztl si sta muovendo per richiedere uno stabile da gestire autonomamente. Tanto da organizzare una pubblica assemblea sabato 29 giugno ai giardini di Sant’Andrea, nel cuore di Treviso, alla quale il neo sindaco Giovanni MAnildo, però, non dovrebbe partecipare: “Ai ragazzi del Collettivo, che lo avevano invitato a partecipare all'Assemblea  pubblica di sabato, il Sindaco Giovanni Manildo ha confermato la sua disponibilità ad incontrarli.“

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

  • Chiama la polizia per far multare le auto in sosta, ma alla fine a essere sanzionato è lui

Torna su
TrevisoToday è in caricamento