Inquinamento falde acquifere, Zanoni: "A pagare non deve essere collettività"

L'Eurodeputato Andrea Zanoni ha duramente criticato le proposte d'intervento della Regione nei comuni interessati dall'inquinamento da mercurio

Aspre critiche da parte di Andrea Zanoni (IdV) alla decisione della Regione di stanziare un milione di euro per allacciare all'acquedotto alcuni paesi della Marca colpiti dall'inquinamento da mercurio delle falde acquifere.

"La Giunta Zaia risolva il problema alla fonte e punisca i colpevoli, invece di far pagare il prezzo di questo disastro a tutti i cittadini", ha commentato l'Eurodeputato in un comunicato. "Non è giusto che a pagare i danni causati da qualche delinquente sia l'intera collettività – continua Zanoni – In questo modo  si stende il tappeto rosso a chi ha inquinato e si permette loro di farla franca alla faccia dei trevigiani".

Il collegamento proposto dalla Giunta Zaia mira a trovare una soluzione all'inquinamento nella falda acquifera dei comuni di Treviso, Preganziol, Casier e Quinto, area nella quale, lo scorso maggio, l'Arpav aveva riscontrato la presenza di mercurio in ben 137 pozzi privati su 518 complessivi.
Secondo Zanoni, la Giunta regionale dovrebbe individuare la fonte principale dell'inquinamento e "scoprire chi ha portato i materiali e denunciarli alla magistratura". Il deputato, inoltre, invita "Regione, Provincia e i quattro Comuni interessati a costituirsi parte civile per chiedere i danni ai responsabili".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma alla locanda Righetto: 28enne trovata senza vita nella sua stanza

  • Indagine sull'ex comandante dei carabinieri di Castelfranco, l'inchiesta si allarga

  • Autotrasporti: in arrivo i rimborsi per i costi delle patenti professionali

  • Ordina uno spritz con gli amici: muore a 59 anni stroncato da un infarto

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: tre giorni di feste e divertimento

  • Malore fatale, 50enne trovato morto nella sua roulotte

Torna su
TrevisoToday è in caricamento