Falsi manifesti Lega, De Poli: "E' istigazione al razzismo"

Duro commento di Antonio De Poli (Udc) ai manifesti razzisti e omofobi apparsi a Treviso venerdì: "Fermiamo un'ondata pericolosa di odio"

"E' istigazione al razzismo. Fermiamo un'ondata pericolosa di odio che rischia di colpire chi è extracomunitario ma paga le tasse e rispetta le regole come qualsiasi italiano".

Così il senatore dell'Udc e coordinatore regionale del partito in Veneto Antonio De Poli commenta la notizia dei manifesti choc di Treviso contro gli immigrati.

"Al di là del fatto che la Lega abbia preso le distanze - rileva - è un dato di fatto che il Carroccio abbia costruito delle campagne discriminatorie contro gli immigrati extracomunitari speculando sulle paure dei cittadini".

Secondo l'esponente Udc, "i falsi manifesti made in Lega rappresentano l'opinione retrograda e razzista di una minoranza senza testa né cuore. Mi auguro che i responsabili vengano assicurati alla giustizia".

De Poli lancia un invito alla Lega: "chieda scusa ai cittadini immigrati regolari che pagano le tasse per tutte le volte che, in passato, ha lanciato slogan xenofobi. E' ora di voltare pagina, solo se condanniamo insieme chiaramente gli atti di razzismo potremo isolare queste iniziative deplorevoli".
(ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

Torna su
TrevisoToday è in caricamento