Indipendenza Veneta attacca Zaia: «Dimettiti, hai fatto gli interessi di Salvini»

L'avvocato Alessio Morosin, leader del Partito dei Veneti, lancia un durissimo attacco al Governatore del Veneto sulla questione dell'autonomia regionale.

Alessio Morosin

«Zaia non è stato in grado di garantire il rispetto del voto del 22 ottobre di due anni fa. Si dimetta!» Sempre più duro l’avvocato Alessio Morosin, fondatore di Indipendenza Veneta e ora del Partito dei Veneti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Bisogna che tutti interveniamo con durezza – annuncia Morosin - Boccia, cioè il Governo italiano, prende in giro i Veneti. Qui si sta solo guadagnando tempo e il rinvio è sine die. Un fallimento totale. Una vergogna. Dobbiamo capire – tuona – che questi si stanno coprendo vicendevolmente, Zaia in vista delle Regionali 2020 e Boccia per salvare il Governo. Una violenza politica a danno e spese dei veneti. Mi spiace dirlo ma Zaia ha sprecato due anni di tempo. Come denunciato anche dal suo capodelegazione professore Mario Bertolissi, ha assecondato i bisogni di Salvini al fine di ottenere i voti al Sud non realizzando l'obiettivo dell'autonomia quando era al governo. Questo è il solo triste e ignobile risultato che abbiamo avuto» conclude l'avvocato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bar presi d'assalto, Zaia furioso: «Se continua così chiudo tutto»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Madre di un figlio di 11 anni muore dopo una lunga malattia

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento