Esalazioni di catrame a Paese, Morgano e Badoere: impianto di Padernello nel mirino

Andrea Zanoni, consigliere regionale del PD, chiede lumi alla Giunta in un’interrogazione firmata anche dai colleghi Graziano Azzalin, Bruno Pigozzo, Claudio Sinigaglia, Anna Maria Bigon (PD) e Cristina Guarda (CpV)

Un'asfaltatura

«Il problema non è solo il forte odore di catrame, tutt’altro che gradevole, con cui da una ventina di giorni devono fare i conti i residenti dell’area tra Paese, Morgano e Badoere, ma anche la possibile emissione di sostanze potenzialmente nocive e cancerogene per salute e ambiente. Per questo invitiamo Ulss e Arpav  a fare un monitoraggio e, se già effettuato, a comunicarne subito gli esiti». È quanto chiede Andrea Zanoni, consigliere regionale del Partito Democratico, in un’interrogazione firmata anche dai colleghi Graziano Azzalin, Bruno Pigozzo, Claudio Sinigaglia, Anna Maria Bigon (PD) e Cristina Guarda (CpV). Nel mirino l’impianto di produzione di asfalti di via Vecelli di Padernello di Paese, nella cava Biasuzzi. “Da tempo sindaci e cittadini protestano, anche perché i macchinari si trovano a pochi metri dalla falda affiorante della cava”, sottolinea il vicepresidente della commissione Ambiente.

«Gli impianti di conglomerati bituminosi come questo, alla luce del Testo unico delle leggi sanitarie, rientrano tra le ‘industrie insalubri di prima classe; gli operatori inoltre possono venire a contatto con sostanze chimiche che si liberano durante la lavorazione, gli Idrocarburi policiclici aromatici (Ipa), alcuni dei quali sono riconosciuti pericolosi o addirittura cancerogeni, così come riporta uno specifico rapporto dell’Inail sugli impianti di produzione di asfalto. L’Aia (Autorizzazione unica ambientale) concessa dalla Provincia di Treviso prevede il monitoraggio delle emissioni in atmosfera con precisi limiti per numerose sostanze inquinanti, dagli Ipa alle sostanze organiche, passando per cadmio, mercurio e biossido di zolfo, ma l’elenco è davvero lungo. Trovo perciò bizzarre le affermazioni di uno dei responsabili dell’impianto che avrebbe liquidato il tutto descrivendo come semplice vapore acqueo l’emissione in atmosfera provenienti dall’imponente camino. Considerata la situazione anomala che va avanti da circa tre settimane, cosa ha intenzione di fare la Regione per rassicurare i residenti e tutelare la loro salute?».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Questo impianto, coperto da una autorizzazione della Provincia di Treviso del 2015, è tornato a produrre a pieno regime, dopo anni di riposo, a causa dell’ingente richiesta di asfalto del cantiere della Superstrada Pedemontana Veneta. Un immane cantiere che ha riattivato tutti gli impianti presenti nella Marca sollevando le preoccupazioni dei residenti, così come sta accadendo anche a Spresiano dove il gruppo Mosole ha addirittura chiesto di quadruplicare l’attuale lavorazione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Vasto incendio all'azienda agricola Vaka Mora: a fuoco 500 balle di fieno

Torna su
TrevisoToday è in caricamento