Partito Democratico: nasce il comitato provinciale per Maurizio Martina Segretario

Ecco il Comitato provinciale “Fianco a fianco Treviso” a sostegno della candidatura di Maurizio Martina, uno dei sei candidati ai blocchi di partenza per la segreteria nazionale

È tempo di congresso nazionale anche per il PD nella Marca Trevigiana. Sono cominciate infatti questa settimana e termineranno il 23 gennaio le riunioni nei 70 circoli della provincia, durante le quali, da statuto, gli iscritti sono chiamati a votare le mozioni congressuali per determinare i nomi dei tre candidati che si sfideranno nelle primarie aperte di domenica 3 marzo. Per affrontare al meglio l’impegno congressuale, è nato in questi giorni il Comitato provinciale “Fianco a fianco Treviso” a sostegno della candidatura di Maurizio Martina, uno dei sei candidati ai blocchi di partenza per la segreteria nazionale.

“Riconosciamo nella proposta di Maurizio Martina le parole necessarie per dare nuova linfa al PD: apertura, unità e coraggio” dichiarano i tre coordinatori del comitato provinciale, Federica Gemignani (segretaria del circolo di Cordigano e coordinatrice dei circoli del Vittoriese), Chiara Tullio (responsabile scuola, cultura e diritti della segreteria provinciale) e Remo Barbisan (coordinatore dei circoli del Montebellunese). Molti i volti noti del partito provinciale che hanno deciso di affrontare questo congresso fianco a fianco, come recita il titolo della sua mozione, a Maurizio Martina. Una squadra che vede tra le sue fila, accanto ai tre coordinatori, alcuni esponenti dell’attuale segreteria provinciale come Giovanni Zorzi, Luciana Fastro, Roberto Grigoletto e Nicolò Rocco, l’ex senatrice Laura Puppato, il consigliere regionale Andrea Zanoni, Giovanni Manildo, Mariarosa Barazza, Marco Dus e Claudio Niero, e a cui si aggiungono, in coerenza con la proposta di rinnovamento generazionale presentata dal duo Martina-Richetti, nuove leve come il diciassettenne Marco Baccichetto o il giovane consigliere comunale di Cordignano Tiziano Milan.

“Crediamo che in questi mesi Maurizio Martina abbia saputo interpretare bene il bisogno di cambiamento che emerge con forza dentro il partito – continuano i tre coordinatori – Facciamo nostra, anche qui in provincia di Treviso, la sua idea di un partito che sappia unire, in un’alternativa chiara, tutte quelle forze della società che non si riconoscono nelle posizioni nazionaliste e populiste di Lega e Cinque Stelle e che dia maggiore spazio ai territori in un’ottica veramente federale”. Il primo impegno del Comitato è naturalmente quello di convincere gli iscritti nelle assemblee dei circoli di questi giorni, per poi concentrarsi sulla campagna per le primarie in modo capillare su tutto il territorio della Marca. È già in agenda per il mese di febbraio un evento pubblico alla presenza di un grande elettore di Maurizio Martina: l’ex ministro Graziano Delrio che a queste latitudini gode di un forte riconoscimento, specie negli ambienti di quell’associazionismo cattolico che vive con inquietudine le sparate xenofobe di Salvini e dei suoi sodali leghisti. Concludono i tre giovani coordinatori: “Vogliamo vivere questa campagna congressuale non come una conta interna ma fianco a fianco a tutte quelle persone che vogliono cambiare il PD per cambiare l’Italia”.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Ciclismo trevigiano in lutto: Christian Cigaia perde la vita a soli 47 anni

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • Schianto frontale tra camion e auto sulla Postumia, muore 60enne

  • «Lo ha fatto apposta, ha sterzato di colpo contro l'altra macchina»

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento